BiografieOn this day

Adrian Sutil: dalla F1 alla sua passione per il pianoforte

Adrian Sutil si è avvicinato al mondo delle corse un po’ avanti con l’età, a 14 anni. Era il 1997 ed il pilota tedesco si ambientò piano piano nel mondo dei kart. Nel 2002, a 19 anni, abbandona il mondo dei kart per passare alla Formula Ford svizzera dove in pratica monopolizza il campionato con 12 vittorie e 12 poles su 12 gare disputate. Nello stesso anno vince 5 gare Formula Masters austriaca.

Nel 2003 partecipa alla Formula ADAC BMW con il team HBR Motorsports: chiude la stagione al 6°posto. Nel 2004 si registra il passaggio alla Formula 3 Euroseries con il team Kolles. Chiude la stagione al 15esimo posto. Decisamente migliore la sua seconda stagione nella Formula 3 Euroseries: 2 vittorie, 2 poles e 11 podi gli permettono di ottenere il secondo posto in campionato dietro a Lewis Hamilton.

Nel 2006 vince il titolo giapponese di F3. Partecipa anche ad una gara del campionato giapponese Super GT500. Nello stesso anno effettua un test con la scuderia Spyker di F1.

Formula Uno. Il 2007 è l’anno del suo debutto in Formula Uno con la Spyker: stagione pessima per il fatto di poter contare su una monoposto scarsa sotto ogni profilo. Per lui 7 ritiri stagionali ed un solo punto conquistato nel GP del Giappone.

Nel 2008 corre per la Force India che raccoglie il testimone della defunta Spyker: al fianco di Giancarlo Fisichella, non riuscirà a conquistare nemmeno un punto. Per lui anche 11 ritiri e tanti rimpianti per quel contatto con Kimi Raikkonen nel Gp di Monaco che gli costòsicuramente dei punti.

Il 2009 segna i primi punti mondiali della Force India e anche Sutil partecipa al banchetto portandone in dote ben 5 conquistati nel GP d’Italia dove partiva addirittura secondo sulla griglia di partenza. La stagione resta comunque sempre molto modesta anche se i ritiri stagionali per lui scenderanno a 4 soltanto.

E’ soprannominato “il pianista” per la sua passione per il pianoforte. A fine stagione 2009, il Pianista è stato riconfermato alla Force India.

Nel 2010, Sutil entra con una certa regolarità nella Q3, durante le qualifiche, e marca i suoi primi punti stagionali nella terza gara, in Malesia, dove termina quinto. A partire dal GP di Spagna, Adrian va a punti per ben 6 GP di fila. Nella seconda parte della stagione, in Belgio, eguaglierà la quinta piazza ottenuta in Malesia. Termina la stagione all’undicesimo posto in campionato con 47 punti. Il 26 gennaio 2011 viene riconfermato alla Force India anche per il 2011 al fianco dell’esordiente Paul di Resta.

La stagione incominciò meno positivamente della precedente, con la vettura indiana complessivamente meno competitiva delle dirette rivali Sauber. Ma la carriera del tedesco iniziò la sua discesa dopo la lite e denuncia per un’aggressione a Eric Lux, azionista  del Team Renault, che riportò un taglio al collo. Per questo Sutil fu condannato a 18 mesi di prigione e al pagamento di una somma di 200.000 dollari, che andarono poi in beneficenza.

Nel 2013 il pilota tedesco fu nuovamente ingaggiato dalla Force India e dove conquistò un buon quinto posto a Monaco, chiudendo la stagione al tredicesimo posto con 29 punti conquistati.
L’anno seguente, passa alla Sauber, dove però colleziona solo ritiri o piazzamenti lontani dalla top-ten.
Nel 2015 viene chiamato dalla Williams, ma solo per sostituire temporaneamente Bottas, finisce così la carriera del tedesco.

Attività agonistica:
Karting 1997/2001
2002 F. Ford 1800 svizzzera 1 °
2003 F. BMW Tedesca
F3 Euroseries 2004
F3 Euroseries 2005 2 °
2006 F3 Giapponese 1 ° – Formula 1 (Midland) collaudatore
2007 di Formula 1 (Spyker) 19 ° 1 Punto
2008 Formula 1 (ForceIndia) 20 ° 0 Punti
2009 Formula 1 (ForceIndia) 17 ° 5 Punti
2010 Formula 1 (ForceIndia) 11° 47 Punti
2011 Formula 1 (ForceIndia) 9° 42 Punti
2013 Formula 1 (ForceIndia) 13° 19 Punti
2014 Formula 1 (Sauber) 18° 0 Punti

Pubblicità

Silvano Lonardo

Appassionato di tecnologia, Formula 1, Lego e vinili. Mi occupo web, SEO, web marketing e Google ADS. Blogger, insegnante di nuoto e papà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button