2018Dichiarazioni dei PilotiGran Premio Germania

Formula 1 | Sebastian Vettel: “In Q3 sapevo di poter fare un buon giro”

Sebastian Vettel ha disintegrato il record della pista che durava dal 2004 quando a conquistarlo fu Michael Schumacher con la Ferrari F20004

Topics

La conferma dell’ottimo stato di forma di Sebastian Vettel e della Ferrari arriva in occasione del Gran Premio di Germania, gara di casa del pilota del Cavallino Rampante. Grazie a un giro spettacolare senza correzioni, il tedesco ha ottenuto la pole position col tempo di 1’11″212, andando così a disintegrare il record della pista che durava dal 2004 quando a conquistarlo fu Michael Schumacher con la Ferrari F20004.

Per Sebastian Vettel è la quinta pole position stagionale, la 55esima della sua carriera e non poteva arrivare in un momento migliore: “Si cerca sempre di fare del proprio meglio, ogni giorno. Oggi è stato uno di questi giorni e la macchina è stata fantastica. È stato solo questione di mettere assieme un buon giro – ha raccontato in conferenza stampa – Lo sentivo già in Q1 e poi in Q3 sapevo di poter fare un buon giro. Abbiamo costruito una macchina forte e sappiamo che c’è ancora del potenziale“.

Per Sebastian Vettel domani, che partirà davanti a Bottas, sarà fondamentale azzeccare la partenza e ritrovarsi in prima posizione alla prima curva per recuperare sugli avversari fin dai primi giri sfruttando anche il fatto che Hamilton scatterà dalla 14esima posizione: “Sappiamo inoltre di poter migliorare gara dopo gara perché ci sono ancora dei punti in cui siamo più deboli, ma in generale siamo competitivi e forti. Sta a noi fare buon uso di questo potenziale ovunque andiamo. Gareggiare qui in Germania significa molto per me e speriamo di vincere domani.

Un risultato importante per il tedesco arrivato proprio nel Gran Premio di casa: “Sono nato a mezz’ora da qui e riuscire a conquistare la pole position a Hockenheim significa molto per me. È meraviglioso vedere tutte quelle persone coi berrettini rossi sventolare le bandiere della Ferrari e personalmente non vedo l’ora che arrivi domani“, ha concluso.

Topics
Continua la lettura

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora, ho 30 anni e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono una dog-sitter. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso, cosa che mi ha creato non pochi grattacapi. Sono una tifosa di Formula 1 atipica: non ho un team del cuore ma il pilota, Fernando Alonso che tifo fin dal 2001. Sono pignola ma disordinata, pasticciona e folle.

Aspetta! C'è dell'altro!