2018Gran Premio Germania

Formula 1 | GP Germania 2018, Hamilton sovverte il pronostico e vince. Errore clamoroso di Vettel!

Il britannico guadagna in un colpo solo 25 punti al rivale. Vettel butta tutto all’aria con un’uscita di pista su asfalto viscido. Completano il podio Bottas e Raikkonen. Per Mercedes è doppietta

Topics

Un risultato inaspettato, che in pochi alla vigilia avrebbero potuto prevedere. Sebastian Vettel sbaglia nel momento critico, quando dopo metà gara la pioggia scombina i piani di tutta la griglia. Il tedesco, nella curva a 180° della sezione dello Stadio, sbaglia le misure in frenata e finisce “lungo”, parcheggiando la SF71-H contro le barriere e insabbiandola. Visibile la rabbia dell’ormai ex leader del mondiale, che agita pugni contro il volante e lascia la gara di casa col morale sotto i tacchi. Poco prima, tutto era sembrato andare bene per il pilota tedesco, a parte un contrattempo quando si è ritrovato dietro a Kimi Raikkonen e ha finito per surriscaldare pericolosamente le gomme (rischio poi scongiurato dal box Ferrari, che ha prontamente dato ordine a Kimi di far sfilare il compagno).

E’ stata la gara degli imprevisti, ma anche degli ordini di scuderia. Alla ripresa delle ostilità, dopo la Safety Car, Lewis Hamilton si trova leader della corsa, viene insidiato da Bottas, ma il muretto prontamente ridimensiona le ambizioni del finlandese, che deve mantenere la piazza d’onore davanti a Raikkonen. Abilissimo, ma anche un po’ baciato dalla fortuna, il pilota inglese, che aveva effettuato una sosta su pista asciutta e, quando è venuto a piovere, è stato l’unico dei top a non fermarsi ai box, ritrovandosi così in testa. Peggio è andata a Bottas e Raikkonen, ambedue fermatisi ai box sotto la pioggia, col risultato di lasciare strada libera ad Hamilton. L’inglese balza pure in testa alla classifica con 17 lunghezze su Vettel: in un colpo solo, Lewis ha fatto bottino pieno a casa del nemico, nella gara che secondo le previsioni avrebbe dovuto condannarlo a subire una grossa perdita di punti nel Mondiale (pensiamo che Vettel partiva in pole e Lewis 14°).

Dietro, Verstappen termina 4°, dopo la sfortunata decisione di tentare la carta delle intermedie su asfalto viscido. Dietro di lui, Hulkenberg, 5°, Grosjean e le due Force India nell’ordine di Perez e Ocon. Ericsson e Hartley completano la zona punti, segnalando che per il neozelandese è il secondo ingresso in top ten in carriera. Da sottolineare il ritiro di Daniel Ricciardo, autore finché è stato in pista di una gara incolore, alle prese con problemi di grip con le Medium. Disastro anche la corsa della McLaren: Vandoorne, scattato ultimo, ha chiuso 13°, Alonso è stato classificato 16°, in fondo alla classifica.

Topics
Continua la lettura

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Aspetta! C'è dell'altro!