Daniel RicciardoDichiarazioni dei PilotiFormula 1 2018Gran Premio FranciaMax VerstappenRed Bull Racing

Formula 1 | GP Francia 2018, Red Bull al di sopra delle aspettative!

Gara al di sopra delle aspettative per la Red Bull, seppur il rammarico di Daniel Ricciardo è tanto per non aver ottenuto il podio. Ma sia lui che Max Verstappen sono felici dei punti ottenuti e la commentano così

Un GP di Francia al di sopra delle aspettative per la Red Bull che ha ottenuto un secondo e quarto posto sul circuito del Paul Ricard, rispettivamente con Max Verstappen e Daniel Ricciardo. Il pilota olandese della red Bull a riguardo ha dichiarato: “Finire secondo qui sul Paul Ricard è meglio di quanto ci aspettassimo per il fine settimana. Non appena siamo arrivati ​alla curva 2 sono stato davvero sollevato di non aver avuto contatti, quindi da lì si trattava solo di gestire la mia gara, ed è stato abbastanza semplice. Lewis ha gestito bene ed aveva un bel ritmo. Noi abbiamo effettuato la giusta strategia”.

“La mescola morbida mi è sembrata un po’ più affidabile e mi ha permesso di trovare un buon passo per rendere più confortevoli i giri finali. Dopo due gare pulite e un buon risultato di fila è importante portare avanti questo slancio. Abbiamo avuto un terzo e ora un secondo, quindi con la pista giusta non vedo l’ora di ottenere una vittoria. Ho perso una buona occasione a Monaco ma ci sono ancora delle buone opportunità in arrivo, ma ottenere punti buoni per la squadra nei circuiti che non sono ideali per noi è sicuramente una cosa positiva. È stato bello correre qui in Francia, ascoltare l’inno nazionale e vedere così tante persone nelle tribune” ha così concluso Max Verstappen.

Daniel Ricciardo rammaricato per aver visto sfumare il podio, ha spiegato il suo dispiacere, dicendo: “Sono ovviamente un po’ deluso ed è un peccato perdere il podio oggi. Siamo stati sicuramente più veloci del quarto posto e ci poteva essere una bella battaglia con Max. Non so ancora perché, ma l’ala anteriore si è danneggiata durante la gara. Prima del pit-stop avevamo un buon passo con la mescola a banda rossa, non so quanto fosse buono rispetto a quello di Lewis dato che era così veloce, ma sembrava che stessimo fuggendo via da Kimi per catturare Max. Poi circa due giri prima che mi fermassi ho avuto danni alla parte sinistra dell’ala anteriore. Ho sentito immediatamente un po’ di sottosterzo e non so se ho colpito alcuni detriti ma i meccanici l’hanno visto durante lo stop”.

“Dopo lo stop, anche la parte identica sulla destra dell’ala anteriore si è rotta. A causa del danno avevamo meno carico aerodinamico, la macchina slittava, e le mescole stavano soffrendo. Kimi ci prendeva sempre con quel ritmo, anche le bandiere blu ci danneggiavano e rendevano il tutto più difficile. E’ stato un peccato perché oggi sembravamo abbastanza forti. Il positivo è che abbiamo ottenuto dei punti decenti ma siamo stati decisamente più veloci del quarto posto e siamo stati tanto sfortunati questo pomeriggio” ha così concluso il pilota australiano della Red Bull.

Topics
Continua la lettura

Sabrina Aceto

Mi chiamo Sabrina ho 27 anni e sono milanista sfegatata da quando sono nata. Quando meno me l'aspettavo, la Formula 1 mi ha stravolto la vita e grazie a Fernando Alonso e ad Ayrton Senna mi sono innamorata di questo magico sport. Avere due miti come loro è un vero onore ed essere Alonsista è pura magia! Il mio tifare per il pilota, agli occhi di molti mi rende una tifosa atipica, ma come dice il mio cantante preferito Nesli “Cosa diranno non importa, non conta più, perché alla fine ciò che resta sei solo TU!” Ed è vero, ciò che conta veramente sono le emozioni ed i valori che una persona riesce a trasmetterci, ciò che dicono gli altri non ha importanza.

Aspetta! C'è dell'altro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *