FIAFormula 1 2018

Formula 1 | Carey: “Vogliamo piste più spettacolari”

Il boss della Formula 1 parla della situazione attuale: FIA e Liberty Media vogliono piste più belle ed emozionanti, rendendo più facili i sorpassi

Finita l’era Ecclestone, quando si andava a correre su piste noiose “solo” perchè pagavano cifre milionarie, l’attuale boss della F1 Chase Carey indica la strada per il futuro.

Parlando delle nuove gare che dovrebbero entrare in calendario, Miami e in Vietnam, Carey ha definito i criteri chiave che le nuove gare dovranno soddisfare: dovranno essere “fantastici” e situati in posti spettacolari.

“Ci sono un pò di cose importanti per noi”, ha detto Carey, parlando lunedì a una conferenza FIA nelle Filippine.

“Per prima cosa, vogliamo essere sicuri che la location sia fantastica per ospitare una gara. Oggi, realisticamente, ci sono piste su cui dobbiamo lavorare e che non sono propizie a fornire gare emozionanti, per iniziare vogliamo dunque tracciati che regalano  corse favolose ed emozionanti”.

Vogliamo luoghi che catturino gli occhi di tutti, città e Paesi magici che incuriosiscano e affascinino davvero il mondo”.

FIA e Liberty Media si stanno inoltre adoperando per rendere i Gp meno noiosi, in particolare dopo le critiche giunte all’interno sistema del Circus dopo la gara di Montecarlo.

“Il sorpasso è chiaramente un altro problema, i cambiamenti che vedremo dal 2021 saranno più significativi (rispetto a quelli che vedremo dal 2019, ndr). Ci stiamo occupando più ampiamente dell’aerodinamica, non vogliamo perdere gli aspetti aerodinamici che rendono le corse di F1 così spettacolari, ma  dobbiamo fare qualcosa che permetta ai sorpassi di essere una parte molto più significativa di questo sport”.

La prevedibilità non è buona nello sport, tutti vogliamo l’imprevisto”, conclude Carey.

Topics
Continua la lettura

Christian Caramia

Mi chiamo Christian e ho 27 anni, vivo a Martina Franca (Taranto). Appassionato fin da piccolo di Formula 1, da bambino i miei idoli erano Ayrton Senna e Jean Alesi. Sono cresciuto prima con Michael Schumacher e poi con Kimi Raikkonen. Grazie a loro sono qui a scrivere di questo magnifico sport.

Aspetta! C'è dell'altro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *