2018Gran Premio Austria

Formula 1 | Austria 2018, qualifiche: Mercedes si prende la prima fila. 1° Bottas, solo 3° Vettel davanti a Raikkonen

Ottimo giro del finlandese, che beffa Hamilton di 19 millesimi. Così così le Ferrari, con Vettel 3° a oltre 3 decimi e Raikkonen a mezzo secondo. In ritardo le Red Bull

Topics

Col tempo strepitoso di 1’03″130, Valtteri Bottas artiglia la seconda pole consecutiva sul tracciato del Red Bull Ring, dove lo scorso anno colse la vittoria davanti a Sebastian Vettel. Strepitosa la prestazione del finlandese, che era balzato in testa già dopo il primo giro lanciato (complici anche alcune sbavature di Hamilton e Vettel) e ci è rimasto dopo gli infuocati ultimi secondi, quando tutti i top hanno piazzato i loro giri decisivi.

Hamilton ha sparato tutte le sua cartucce nell’ultimo tentativo, ma si è fermato a 19 millesimi dal compagno. Peggio è andata a Vettel, che dopo il primo tentativo era precipitato al settimo posto, poi ha rimesso le cose a posto piazzandosi secondo, prima che Hamilton lo scalzasse dalla prima fila: per il tedesco, dunque, solo il terzo crono a 334 millesimi da Bottas, come dire che la Mercedes sembra tornata a disporre di un piccolo vantaggio. In forma è apparso Kimi Raikkonen, combattivo per tutta la Q3 e piazzatosi al 4° posto.

Dolori in casa Red Bull, che corre qui il suo GP di casa. Verstappen e Ricciardo si sono sfidati per tutta la Q3, ma senza ottenere grandi risultati: l’olandese, supportato da tantissimi tifosi, si è fermato al quinto posto; l’australiano è addirittura settimo, dietro pure alla Haas del brillante Grosjean. Hanno chiuso la top ten le due Renault di Sainz, 9°, e Hulkenberg.

Scorrendo la classifica, la Toro Rosso-Honda di Gasly è 12°, mentre Alonso non è andato oltre il 14° tempo, con il merito di avere portato una disastrosa McLaren in Q2 (Vandoorne è stato eliminato invece in Q1 e ha il 16° tempo). Appuntamento per il GP di domani alle 15.10, con Vettel che dovrà necessariamente attaccare le Mercedes fin dal via se non vuole subire un gap più grande dai 14 punti di distacco che paga nella classifica piloti.

Topics
Continua la lettura

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Aspetta! C'è dell'altro!