Formula 1 2018PilotiTest Barcellona

Formula 1 | Test Barcellona, day-4: Hamilton domina davanti a Vandoorne e Vettel

La W09 fa già paura, con Hamilton che segna il primato di tutti i primi quattro giorni di test. Vettel 3° dietro Vandoorne. Renault e Honda super affidabili

Torna il bel tempo (per modo di dire) sul circuito di Barcellona e finalmente le vetture ricominciano a far segnare tempi degni di nota. Il crono di riferimento nell’ultima giornata di test prima della ripresa del 6 marzo va al solito Lewis Hamilton, che con 1’19″333 segnato con coperture medie (questo il dato impressionante) stabilisce anche il record dei primi 4 giorni di test. Come dire che la W09 fa già paura.

Sicuramente fa paura alla Ferrari, che piazza Sebastian Vettel in terza posizione staccato di nove decimi dal britannico. Il tedesco ha fatto segnare il suo crono, però, con una mescola più soffice, le Soft.

In mezzo ai due si è inserito Stoffel Vandoorne, con una McLaren rivitalizzata dal motore Renault, che ha permesso al belga di mettere insieme oltre 100 giri. Nel tardo pomeriggio, è sceso in pista anche Fernando Alonso che ha fatto salire il computo di giri della McLaren a 161. Vandoorne è dunque secondo, anche se va segnalato che il suo 1’19″854 è stato ottenuto con le hypersoft, la mescola più indicata per far segnare giri veloci, essendo la più morbida a disposizione.

Rimanendo in tema di affidabilità, interessante rivelare quanto sta facendo la Honda, che ha permesso a Pierre Gasly (10° tempo per lui) di completare 147 giri, il numero di tornate più alto nella giornata di oggi completato da un solo pilota (la McLaren ne ha fatti appunto 161, ma contando sia quelli di Vandoorne che di Alonso).

Va poi segnalato come molti team abbiano fatto girare ambedue i piloti, anche per recuperare il tempo perso ieri: per la Renault hanno girato Sainz (6° tempo) e Hulkenberg (11°), la Mercedes ha messo in pista anche Bottas (12°), e anche Williams e Sauber hanno visto in pista entrambi i piloti.

Balza all’occhio, in quest’ultima giornata, la scarsità di giri messa insieme da Max Verstappen, solo 35. L’olandese si è focalizzato sulle medium, poi ha montato le soft per l’assalto al tempo, ma dopo che si stava migliorando è uscito di pista alla curva 12 e da lì non è più rientrato. Di seguito la lista dei tempi:

 

Tags
Show More

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Aspetta! C'è dell'altro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *