Curiosità dalla F1Formula 1 2018McLaren Renault

Formula 1 | Jo Ramirez: “L’atmosfera in McLaren è molto cambiata”

Il coordinatore del team McLaren all’epoca di Ayrton Senna ha dichiarato che il passaggio ai motori Renault ha modificato notevolmente l’atmosfera in scuderia, ora più rilassata e positiva

Sono finalmente finiti gli anni disastrosi di collaborazione tra la McLaren e i motori Honda, iniziata nel 2015 e tornata in Formula 1 per ridare alla scuderia un nuovo sprint. Tuttavia, in seguito alle continue problematiche incontrate dal team di Woking, nel 2017 McLaren e Honda hanno posto fine al loro accordo, preferendo l’una i motori della Renault e l’altra il team Toro Rosso.

Grazie a questi cambiamenti, il coordinatore della McLaren ai tempi di Ayrton Senna, Jo Ramirez, ha dichiarato che l’atmosfera all’interno del team sia cambiata notevolmente. Le continue sfide e difficoltà incontrate negli anni passati, infatti, non avevano permesso alla scuderia di sviluppare perfettamente la monoposto, causando spesso stress e frustrazione.

“Sono molto più contenti. Il lavoro funziona meglio con gli ingegneri della Renault perché gli europei sono più estroversi, fanno le cose con più entusiasmo e passione perché sanno che alla fine del tunnel avranno nuovi e migliori risultati”.

Del resto, la Red Bull collabora con la Renault dal 2007 e ha ben dimostrato le potenzialità del marchio francese, che messo in pista motori sempre più compatibili con le monoposto. Dopo il passaggio ai motori ibridi nel 2014, però, ha fatto un passo indietro, anche se ha sempre cercato di dare il meglio e di recuperare il tempo perso. In questo senso, secondo Ramirez, la McLaren dovrà affrontare un lungo percorso prima di arrivare ai livelli delle prestazioni della Red Bull, ma ha sicuramente buone probabilità di riuscirci.

Ramirez, inoltre, ha apprezzato la volontà del team di Woking di sostenere Fernando Alonso durante la sua nuova avventura in WEC e ritiene che tutto il tempo trascorso all’interno della vettura sarà sicuramente positivo per il pilota spagnolo.

“Ha un desiderio incredibile di stare in macchina: Zak Brown lo sta aiutando perché questo è quello che Fernando vuole fare. In passato abbiamo visto piloti di Formula 1 correre ogni fine settimana in altre categorie, così per me più tempo passa un pilota in auto, meglio è.

Tags
Show More

Anna Vialetto

Mi chiamo Anna, ho 24 anni, laureata in Comunicazione e attualmente studentessa in Web Marketing & Digital Communication. Sono una ragazza determinata e testarda, con la passione per lo scrivere, i libri e gli anime. Nonostante le numerose cadute, cerco di trovare sempre il modo per rialzarmi e dare il meglio, per me e per la mia famiglia, punto di riferimento e fonte di ispirazione in ogni momento. La passione per la Formula 1 è iniziata circa durante gli ultimi anni dell’era Schumacher in Ferrari e, da quel momento, non mi ha più abbandonata. Il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo, la velocità sono tutti elementi che mi tengono incollata allo schermo e mi fanno venire la pelle d’oca. Il team a cui sono legata è Ferrari, con cui condivido gioie, dolori, rabbia, quasi come se vivessi in prima persona l’esperienza del Gran Premio: nonostante tutto, le emozioni che la scuderia e la Formula 1 riescono a regalarmi, sono qualcosa che è difficile spiegare a parole.

Aspetta! C'è dell'altro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *