Formula 1 | La ricetta di Isola per il 2018: due soste di media e strategie diversificate

Le sette mescole permetteranno nel 2018 strategie differenti e più soste, Mario Isola illustra gli obiettivi Pirelli per la stagione ventura

In rappresentanza di Pirelli, Mario Isola, settimana scorsa, ha annunciato e presentato gli pneumatici della stagione 2018 della Formula 1. Rispetto alla stagione appena terminata il costruttore italiano ha implementato la gamma con due nuove mescole: la extra-hard e la hypersoft.

Grazie a ben sette diversi tipi di compound Pirelli potrà selezionare tre mescole per ogni Gran Premio in grado di creare diverse strategie e raggiungere l’obiettivo delle due soste. Le nuove costruzioni sono già state provate dai team nei test di Abu Dhabi che si sono tenuti a margine del Gran Premio.

La nuova mescola hypersoft, ipoteticamente due step più morbida della ultrasoft 2017, ha immediatamente suscitato reazioni positive dai piloti che hanno avuto l’opportunità di testarla; Lewis Hamilton l’ha definita “la miglior mescola mai prodotta da Pirelli” dal suo esordio in Formula 1.

Il responsabile della gestione sportiva di Pirelli, Mario Isola, ha ulteriormente chiarito quali siano gli obiettivi in vista della stagione 2018, esordendo a proposito di quanto più soffici saranno rispetto alle gomme della stagione appena conclusa: “Considerando tutto il range è uno (step n.d.r.) in più, inoltre abbiamo la gomma hypersoft; ora abbiamo la possibilità di avere gomme abbastanza soffici per raggiungere il target delle due soste.”

“Credo che tre soste siano un po’ troppe, sappiamo che questo potrebbe creare un po’ di confusione. Cercheremo di effettuare la selezione sulla base delle due soste o comunque quella dei due stop sia una delle strategie più veloci.”

“C’è un altro vantaggio, con più compounds e più soffici, potremo dare ai team la possibilità di disegnare auto più gentili sulle gomme per quindi poter spingere con gomme più soffici. Questa è un’ulteriore possibilità per i team, dando le stesse opportunità a tutti.”

Isola ha concluso evidenziando come l’aver sette mescole permetterà a Pirelli di effettuare allocazioni di gomme non seguendo obbligatoriamente lo schema dei tre step continui: ad esempio in Australia si potrebbe decidere di utilizzare le gomme soft, ultrasoft e hypersoft.

“Per il 2018 abbiamo l’opportunità di saltare uno step, quindi non siamo obbligati ad utilizzare, ad esempio, soft, supersoft ed ultrasoft. Noi effettueremo la scelta e la selezione dei compound in modo da essere sicuri che si possano generare differenti strategie. La media del numero di pit stop dovrebbe essere due. Questo è il nostro target, vogliamo strategie alternative.”

Scritto da: Samuele Fassino

Samuele Fassino

Mi chiamo Samuele, ho 19 anni. Sono un grande appassionato di motori, specie di Formula 1 nella quale spero di lavorare un giorno. Oltre ai motori le mie passioni si estendono al calcio ed alla filosofia anche se, più in generale, mi piace tenermi informato su qualsiasi tema. Sono molto determinato e cerco sempre ottenere il massimo da ogni situazione.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.