Fernando AlonsoFormula 1 2017McLaren Honda

Formula 1 | Honda: “Capisco Alonso, frustrante correre tre anni così”

Hirotoshi Honda ha detto di comprendere la frustrazione di Alonso, reduce da tre anni trascorsi a combattere nelle retrovie

In tre anni, Fernando Alonso ha collezionato la miseria di tre quinti posti come migliori risultati e un bottino totale che non arriva nemmeno a 100 punti. A 36 anni (saranno 37 dal luglio prossimo), lo spagnolo si appresta ad iniziare un nuovo capitolo della sua carriera, con una McLaren motorizzata Renault e un interesse sempre più ampio verso categorie esterne alla Formula 1, come i prototipi del WEC. Alonso vuole trovare ad ogni costo il modo di tornare a vincere ed entrambe le decisioni – passare ai motori Renault, da lui fortemente voluti, e guardare altrove dalla Formula 1 – sono mirate a questo.

Ad appoggiare le decisioni di Alonso è intervenuto Hirotoshi Honda, figlio del fondatore della Honda, Soichiro, che a L’Equipe ha parlato così del pilota asturiano: “Capisco Fernando e la sua delusione. La vita di uno sportivo è molto corta e trascorrere tre anni in mezzo a tutti questi problemi non deve essere facile da digerire. Ma non è colpa mia. Dovete chiedere alla Honda il perché di tante difficoltà. Noi giapponesi dal nostro lato non molliamo. Il nostro approccio è continuare a combattere”.

L’approccio da combattente l’ha rimarcato lo stesso Hirotoshi Honda, parlando del padre Soichiro, che potè assistere ai trionfi firmati da Senna e Prost nell’epoca d’oro di fine Anni Ottanta e inizio Novanta, prima della morte avvenuta nell’agosto del 1991. Mio padre odiava arrivare secondo – ha ricordato Hirotoshi – diceva sempre che bisognava vincere. Ricordo che, poco prima di morire, quando avevamo maggiori difficoltà nel continuare a vincere, odiava quella situazione e si lamentava nel letto d’ospedale. Poi Ayrton vinse in Ungheria, con il segno nero di lutto nel braccio. Quando ci ripenso, mi viene da scoppiare a piangere.

Da quel 1991, la Honda non è più riuscita a togliersi grosse soddisfazioni. L’ultima stagione con la McLaren fu al di sotto delle aspettative, e anche il rapporto con la BAR nei primi Anni Duemila non ha sortito grandi risultati. Il ritorno in Formula 1 con la McLaren si è rivelato un grosso fallimento, ora non resta che vedere cosa accadrà con Toro Rosso.

Topics
Continua la lettura

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Aspetta! C'è dell'altro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *