Fernando AlonsoFormula 1 2017McLaren Honda

Formula 1 | Eric Boullier: “Alonso si è sentito umiliato fin dall’inizio del 2017”

Il racing director della McLaren ha ammesso che per il pilota spagnolo si è trattato di una stagione difficile, ma è pronto e determinato a tornare in pista e a riscattarsi durante il 2018, grazie anche alla nuova collaborazione con Renault

Dopo l’umiliante ritorno al motore Honda durante la stagione del 2015, la McLaren ha incentrato il proprio 2017 sulla speranza di tornare a essere competitiva. Speranze, però, che si sono ben presto infrante e che hanno più volte sottolineato i passi indietro compiuti dalla Honda, sia in termini di performance che in termini di affidabilità.

Di questo, in particolare, ha risentito soprattutto il pilota spagnolo Fernando Alonso che, secondo le parole rilasciate da Eric Boullier in un’intervista per Motorsport.com, si è sentito umiliato sin dall’inizio della stagione del 2017.

Secondo le parole del racing director della McLaren, da vero campione, Alonso ha sempre cercato di immaginare nella sua mente come avrebbe dovuto svilupparsi la sua stagione e questo lo aveva motivato molto, portandolo a essere sempre più determinato a raggiungere i suoi obiettivi. Purtroppo, però, arrivare a Barcellona e rendersi conto dei passi indietro compiuti dal motore Honda, lo aveva demotivato e fatto cadere in un turbine di tristezza, umiliazione e frustrazione.

Lo stesso pilota, inoltre, aveva dichiarato di aver tirato un pugno a una delle pareti della propria residenza in McLaren, per sfogare la tensione e la rabbia dopo essere stato mandato fuori alla prima curva del Gran Premio di Singapore.

Boullier, tuttavia, è convinto che Alonso riuscirà a migliorare la propria posizione anche con la McLaren se la scuderia riuscirà a tornare tra i top team durante il 2018, aiutata anche dal nuovo motore Renault.

Lo paragono sempre a uno squalo: quando riesce a sentire il sangue, si dirige subito in quel punto. Lui stesso sente di poter tornare sul podio e di essere abbastanza competitivo per puntare a quel risultato: non lascerà un centimetro ai propri avversari. Quindi sì, il team è sotto pressione: ma si tratta di una pressione positiva”.

Sembra quindi che, nonostante i malumori delle passate stagioni motorizzate Honda, in McLaren ci sia voglia di riscatto, di tornare a vincere e secondo Boullier lo stesso Alonso avrebbe tutte le carte in regola e la giusta motivazione per raggiungere i suoi obiettivi.

Topics
Continua la lettura

Anna Vialetto

Mi chiamo Anna, ho 24 anni, laureata in Comunicazione e attualmente studentessa in Web Marketing & Digital Communication. Sono una ragazza determinata e testarda, con la passione per lo scrivere, i libri e gli anime. Nonostante le numerose cadute, cerco di trovare sempre il modo per rialzarmi e dare il meglio, per me e per la mia famiglia, punto di riferimento e fonte di ispirazione in ogni momento. La passione per la Formula 1 è iniziata circa durante gli ultimi anni dell’era Schumacher in Ferrari e, da quel momento, non mi ha più abbandonata. Il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo, la velocità sono tutti elementi che mi tengono incollata allo schermo e mi fanno venire la pelle d’oca. Il team a cui sono legata è Ferrari, con cui condivido gioie, dolori, rabbia, quasi come se vivessi in prima persona l’esperienza del Gran Premio: nonostante tutto, le emozioni che la scuderia e la Formula 1 riescono a regalarmi, sono qualcosa che è difficile spiegare a parole.

Aspetta! C'è dell'altro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *