2017Dichiarazioni dei Piloti

Formula 1 | Daniel Ricciardo: “Le qualifiche sono state il mio punto debole”

Il pilota della Red Bull, in un’intervista rilasciata per Motorsport.com, ha dichiarato che il 2017 è stata una stagione particolarmente difficile dal punto di vista delle qualifiche, durante le quali non è mai riuscito a emergere

Topics

In una recente intervista ai microfoni di Motorsport.com, il pilota australiano Daniel Ricciardo ha  ammesso quello che è stato il suo punto debole durante la stagione del 2017: le qualifiche.

Nonostante il trionfo conquistato a Baku, infatti, il pilota della Red Bull ha terminato il Mondiale 2017 con 56 punti e due posizioni in meno rispetto all’anno passato.

“Ero solito essere chiamato “il pilota del sabato”, mentre adesso mi sento come se fosse più opportuno chiamarmi “il pilota della domenica”. Chi l’avrebbe mai detto?”

L’australiano ha affermato di non aver avuto particolari problemi con l’assetto della monoposto, con la quale non ha dovuto propriamente combattere: piuttosto, secondo le sue parole, è stato nel complesso difficoltoso raggiungere i massimi risultati, anche se – al contrario – il compagno di team Max Verstappen non ha dimostrato evidenti problemi nell’iniziare al meglio la propria stagione.

Ricciardo, inoltre, ha dichiarato che più volte ha cercato di lasciar perdere i problemi ottenuti in qualifica, cercando di spingere al massimo e conquistare nuovamente dei buoni risultati, ma nonostante questo le problematiche hanno continuato a ripresentarsi sistematicamente.

“Siamo arrivati a un punto in cui abbiamo pensato che ormai la situazione era quella: non avremmo mai avuto la macchina perfetta e dovevamo rassegnarci. Da quel momento, ho messo insieme qualcosa di buono: ma poi rimanevo incastrato in qualcosa dei miei modi di fare e tornavo alla vecchia routine”.

In passato, come afferma l’australiano, se durante le qualifiche la macchina dava dei buoni riscontri, non c’era motivo di andare a modificarla e di conseguenza la si presentava in pista, durante la gara, con lo stesso assetto. Quest’anno, però, le qualifiche sono state il punto debole di Ricciardo e del team, entrambi colti alla sprovvista da questo improvviso cambiamento, e ciò non ha permesso loro di soddisfare le proprie aspettative.

Tuttavia, Ricciardo non si è lasciato abbattere dalle difficoltà del 2017 e ha concluso affermando che ora il team è a conoscenza di quelle che sono state le cause dei problemi riscontrati in qualifica e ha quindi tutti gli elementi a disposizione per migliorare la performance della sua monoposto. Proprio per questo, quindi, il pilota è convinto che la prossima stagione sarà sicuramente migliore per la Red Bull, che potrà tornare a brillare come è già successo.

Topics
Continua la lettura

Anna Vialetto

Mi chiamo Anna, ho 24 anni, laureata in Comunicazione e attualmente studentessa in Web Marketing & Digital Communication. Sono una ragazza determinata e testarda, con la passione per lo scrivere, i libri e gli anime. Nonostante le numerose cadute, cerco di trovare sempre il modo per rialzarmi e dare il meglio, per me e per la mia famiglia, punto di riferimento e fonte di ispirazione in ogni momento. La passione per la Formula 1 è iniziata circa durante gli ultimi anni dell’era Schumacher in Ferrari e, da quel momento, non mi ha più abbandonata. Il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo, la velocità sono tutti elementi che mi tengono incollata allo schermo e mi fanno venire la pelle d’oca. Il team a cui sono legata è Ferrari, con cui condivido gioie, dolori, rabbia, quasi come se vivessi in prima persona l’esperienza del Gran Premio: nonostante tutto, le emozioni che la scuderia e la Formula 1 riescono a regalarmi, sono qualcosa che è difficile spiegare a parole.

Aspetta! C'è dell'altro!