f1 alfa romeo formula 1 2018

Formula 1 | Alfa Romeo, un marchio, una storia, uno stile di vita italiano

La F1 riabbraccerà dal 2018 un marchio italiano che diede il là alla sua ultra cinquantenaria storia, l’Alfa Romeo. Un progetto ambizioso, di enorme suggestione

Un bel ritorno, rientro, fate voi. Dal 2018 l’Alfa Romeo sarà ai nastri di partenza di un mondiale di Formula 1. Una bella storia, che ha tutte le intenzioni di ripetersi, dopo anni di assenza dalla pista, anche dopo anni difficili nel settore automobilistico. Nuova aria per la storica casa di Milano, in bella vista sul palcoscenico più famoso della scena mondiale a quattro ruote.

Fu proprio l’Alfa Romeo ad inaugurare la categoria più bella, affascinante e gloriosa del motorsport, quando, a cavallo del giro di boa del secolo scorso, si affermò come prima casa costruttrice a porre la firma all’iride. Già, la casa del biscione vinse i primi due mondiali di Formula 1, giusto per battezzare la nuova formula, soprattutto per lasciare un segno indelebile, un testimone, poi, che avrebbe visto nella Ferrari la discendente capace di rendere regina incontrastata quella competizione tra autovetture velocissime, a ruote scoperte, tutte diverse, unica ed inimitabile nel suo genere. Una esperienza pionieristica, le prime pagine di una favola dai significati più ampi, un comune denominatore, quell’italianità a motore che si sarebbe distinta per assoluto prestigio, fino a connotarsi in un immaginario leggendario per eccellenza.

Una storia, quasi, secolare quella dell’Alfa Romeo, ben 99 anni in cui ha saputo far parlare di se, nel bene, nel male, nelle competizioni. Qui e lì, a tratti. Pur sempre presente con dignità, sovente con grande fama. Il tutto, senza disdegnare qualunque categoria, portando e custodendo con orgoglio quel brand di sportività, semplice, volendo simbolicamente inadeguato, quale è tutt’oggi il Quadrifoglio. Una sorta di ciliegina sulla torta, un marchio nel marchio, il sigillo al carattere sportivo dei gioielli automobilistici nati per le corse. Un simbolo di velocità nell’eleganza, tutto italiano, il trionfo di quella meccanica di precisione che faceva dell’artiginalità la chiave del suo successo.

Si potrebbero ricordare i fasti delle prime monoposto campioni del mondo in F1, la 158 di Nino Farina, 1950, la 159 del grande Juan Manuel Fangio, 1951. Eppure potrebbe avere ancor più valore la menzione di vetture normali, comuni prodotti commerciali, diventate icone intramontabili degli sport motoristici, poiché concepite con l’anima di sportiva stradale. Pensate per la massima espressione in pista. E allora, come non ricordare, l’Alfa Romeo 155, la capostipite di una serie vincente, che trovò nel modello successivo l’evoluzione, rivoluzione. La più assoluta sublimazione, la nome in codice 156. Una dominatrice incontrastata per un manipolo di anni, grazie a cotanto pilota rispondente al nome di Fabrizio “Piedone” Giovanardi, rigorosamente a trazione anteriore, capace di battere fino allo spasmo le tradizionali concorrenti tedesche a trazione posteriore nell’ETCC. Un gioiellino di ingegneria, vincente anche sul viale del tramonto grazie all’amico di Felipe Massa, il bravo Augusto Farfus, con cui riuscì a strappare le ultime soddisfazioni sulle rivali di sempre.

Sta proprio qui la grandezza del biscione, una essenza di adrenalina sportiva a prezzo di fabbrica, alla portata di chiunque, a completa disposizione dei comuni mortali. Un vessillo del popolo, innanzitutto, di quella passione motoristica viscerale dell’italiano medio, nonché un vero e proprio stile di vita.

Io sono un “Alfista”, ho avuto sempre e solo Alfa Romeo!

Questa, la frase classica di chi ha la casa milanese nel cuore, nella quale trova le sensazioni della sportività nella vita di tutti i giorni. Con la quale trascorre momenti di piacere di guida, sognando, per un banale tratto di dritta via, di essere in pista, tenendo tra le mani quel volante contraddistinto dal blasone del biscione.

Sergio Marchionne, italiano medio nelle apparenze, a dispetto del suo di portafoglio, ha dato seguito ai suoi proclami. E sarà Alfa Romeo Sauber Ferrari, un nuovo progetto, di certo, ambizioso, dai contorni in divenire. L’esatto reciproco di quando nel lontano 1935 Enzo Ferrari e Luigi Bazzi progettarono e realizzarono una monoposto quadrifoglio di cavallino rampante marchiata, la 8C-35. Di qui la parentela con la Ferrari, sua figlia. Di rimando definita a suo tempo dal suo grande fondatore, ancora oggi fiera della sua storia, delle sue origini, intenzionata, dunque, a ridare lustro alla sua alcova. Finanche a suggestione dei tempi andati.

Una forma pura di omaggio, un atto di riconoscenza. Una dimostrazione che, al di là delle implicazioni meno nobili, materiali della manovra, restituisce alla Formula 1 un rosso dalle tonalità leggermente più cupe, corposo, sanguigno.

Lo storico rosso Alfa.

Scritto da: Gianluca Langella

Gianluca Langella

Ingegnere Meccanico, operante come libero professionista nel mondo degli Impianti Tecnologici Civili ed Industriali. Innamorato di auto, e dall’arrivo di quel Tedesco nativo di Kerpen, votato alla causa Ferrari dal 1996.
Un amore incondizionato per la F1, da me definita come “Lo Sport che risveglia i Talenti dell’uomo.” Mi è mancato il coraggio di lasciare i miei natali per andare al Politecnico di Torino a studiare Ingegneria dell’Autoveicolo. Mi rimane la scelta di osservare, analizzare, godere e non, di tutto quanto offerto, di anno in anno, da questo beneamato sport motoristico. Mi resta un sogno nel cassetto, irrealizzato, da donare, eventualmente, ad un mio futuro figlio. Quello di vederlo diventare, un giorno, Ingegnere in Ferrari.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.