La Freccia d'Argento beffa Maranello... con classe e malizia

VIDEO Formula 1 | La Freccia d’Argento beffa Maranello… con classe e malizia

Un video postato dalla Mercedes vede una GTR verde che passa davanti alla factory di Maranello, con l’intento di rinfacciare il Doppio Mondiale del 2017

Il Campionato 2017, articolatosi sotto il segno della sfida tra Brackley e Maranello, è definitivamente chiuso: anche se mancano ancora le due gare di Interlagos e di Abu Dhabi, formalmente il Mondiale Piloti e Costruttori sono già stati assegnati.
Il primo a Lewis Hamilton, che ha centrato il quarto iride in carriera nello scorso weekend del Messico, mentre il secondo era già stato messo in bacheca dalla Mercedes in quel di Austin, grazie alla vittoria di Hammer e dal quinto posto di Bottas.

Una vittoria schiacciante nei confronti dell’irriducibile Ferrari, che quest’anno ha fatto grandi passi avanti che, però, non sono stati sufficienti a fermare le Frecce d’Argento. Proprio per questo motivo ieri la Mercedes ha pubblicato un video, nel quale inizialmente si vede la pista di Modena e una vettura sotto un telo rosso.
Tutto fa pensare a una quattro ruote del Cavallino Rampante…

Ma invece poco dopo si scopre che la belva in questione è una GTR verde del reparto corse di Brackley, che dopo qualche giro di pista si dirige in direzione Maranello per un passaggio di fronte alla factory della Ferrari.
Il messaggio finale del filmato lascia capire l’intento della Casa tedesca: “Il valore di una vittoria è nella grandezza degli avversari”, una stoccata nei confronti del Cavallino, che al termine di questa stagione dovrà accettare definitivamente la sconfitta nonostante tutto l’impegno messo in campo nelle varie gare del Mondiale.

Una beffa, se vogliamo, architettata con classe e malizia, al fine di rinfacciare la superiorità delle W08 tedesche e dell’intero reparto corse di Brackley, che però ammette di essere riuscito a dare il meglio di sé proprio grazie alla grandezza e alla forza di volontà della Ferrari di tenergli testa in ogni singolo centimetro di pista. Dopo questa frecciata, dobbiamo aspettarci una tempestiva risposta delle Rosse?

Scritto da: Giulio Scrinzi

Giulio Scrinzi

Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore.
La Formula 1 rappresenta per me un’opportunità come giornalista ma anche il sogno di una vita: diventare un pilota. I miei miti? Michael Schumacher e Ayrton Senna. Il mio motto? “Keep fighting”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.