Kimi Raikkonen terzo ad Interlagos

Formula 1 | GP Brasile 2017, Kimi Raikkonen: “Risultato positivo, ma speravo di poter fare di più!”

Kimi Raikkonen riesce a mantenere la terza posizione, nonostante il bloccaggio degli pneumatici prima del cambio gomme e l’assalto di Lewis Hamilton durante gli ultimi giri, ma ammette che sperava di poter fare di più

Terzo podio e terza posizione consecutiva per il finlandese della Ferrari, Kimi Raikkonen, che ad Interlagos in Brasile conclude la sua corsa nuovamente al terzo posto, ottenendo il medesimo risultato del Gran Premio degli Stati Uniti e del Messico. Podio combattuto, specialmente verso la fine della gara, per l’arrembante attacco del neo Campione del Mondo, Lewis Hamilton, che dopo un’ottima rimonta, voleva ottenere almeno il gradino più basso del podio, ma Kimi Raikkonen è riuscito a mantenere la posizione, affermando che il britannico non è affatto stato un problema, anzi ciò che gli hanno creato un po’ di difficoltà, sembra strano da dire, ma sono stati gli specchietti.

“Avere Lewis Hamilton che mi inseguiva non è stato un problema, ciò che mi hanno ostacolato sono stati gli specchietti, perché in questa stagione si fa più difficoltà a vedere chi ci segue, infatti ho sbagliato a guardare negli specchietti alcune volte, perché così sono arrivato lungo alla prima curva. Sono sorpreso dal fatto che Lewis non sia riuscito a prendermi la scia, perciò non è stato così minaccioso, anche perché la mia monoposto nelle ultime due curve andava forte e poi quando tramite team radio mi hanno riferito che Lewis era dietro di me, ho notato che non era vicinissimo” ha così affermato Kimi Raikkonen.

Il finlandese della Ferrari è partito in terza posizione e dopo aver staccato un minaccioso Max Verstappen, a causa di problemi di bilanciamento con la mescola a banda rossa ha perso terreno nei confronti di Sebastian Vettel e Valtteri Bottas, ma dopo il cambio gomme, con la mescola a banda gialla si è trovato meglio, infatti a riguardo ha dichiarato: “Il mio unico pensiero era quello di fare una bella gara ottenendo un bel risultato, anche se ammetto che pensavo di avere un passo migliore per poter fare di più. In circuiti come questo i punti per effettuare sorpassi non sono molti, perciò mi sono accontentato ed ho gestito la situazione”.

“Eravamo tutti piuttosto vicini, perciò ritengo che il risultato che ho ottenuto è positivo, specialmente perché nelle prime curve soffrivo parecchio per il bloccaggio degli pneumatici, anche se la monoposto era competitiva e per fortuna è andata ancora meglio dopo il cambio gomme, con la mescola soft. Ho fatto ciò che ho fatto di solito, pensando solo a fare del mio meglio e ad ottenere il massimo dalla mia vettura” , ha così concluso Kimi Raikkonen. Il terzo posto ottenuto dal finlandese e la vittoria ottenuta dal compagno di squadra, Sebastian Vettel, dimostrano il grande lavoro effettuato dal team e sono un chiaro segnale che la Ferrari non ha intenzione di arrendersi, anzi dichiara già guerra aperta agli altri team per la prossima stagione.

Scritto da: Sabrina Aceto

Sabrina Aceto

Mi chiamo Sabrina ho 25 anni e sono milanista sfegatata da quando sono nata. Quando meno me l’aspettavo, la Formula 1 mi ha stravolto la vita e grazie a Fernando Alonso e ad Ayrton Senna mi sono innamorata di questo magico sport. Avere due miti come loro è un vero onore ed essere Alonsista è pura magia! Il mio tifare per il pilota, agli occhi di molti mi rende una tifosa atipica, ma come dice il mio cantante preferito Nesli “Cosa diranno non importa, non conta più, perché alla fine ciò che resta sei solo TU!” Ed è vero, ciò che conta veramente sono le emozioni ed i valori che una persona riesce a trasmetterci, ciò che dicono gli altri non ha importanza.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.