Gp Abu Dhabi f1 Yas Marina

Formula 1 | Gp Abu Dhabi 2017: ultimo atto tra sceicchi, sfarzo e motori

L’ultimo appuntamento di questa stagione è a Yas Marina, ecco i momenti chiave della storia del GP di Abu Dhabi

Il circus della Formula 1 si prepara a coronare ufficialmente il campione del mondo in quella che sarà la tappa conclusiva del 2017. Lewis Hamilton, già matematicamente campione vedrà scritto il suo nome per la quarta volta fra i campioni delle mondo.
Domenica le monoposto sfrecceranno nel deserto di Abu Dhabi sul circuito Tilkiano di Yas Marina, lungo 5 554m e situato sull’isola di Yas a circa 30 minuti dalla capitale degli Emirati Arabi Uniti.

formula-1-gp-abu-dhabi-duelli-mondiali-nel-desertoNel 2009 si corre per la prima volta a Yas Marina e Jenson Button è già campione del mondo dopo aver vinto in Brasile. Hamilton (McLaren) parte in pole ma accusa un problema ai freni dopo il primo pit-stop ed è costretto a cedere la posizione a Vettel, il tedesco è il primo ad imporsi sul suolo degli Emirati davanti al compagno di squadra Webber in Red Bull. Questa è l’ultima gara per la Toyota e la Brawn che non parteciperanno alla stagione successiva, inoltre la Formula 1 dice addio anche ai rifornimenti nei pit-stop.

formula-1-gp-abu-dhabi-duelli-mondiali-nel-desertoNel 2010 la corsa per il titolo è più aperta che mai. 4 piloti sono racchiusi in 24 punti: Alonso, Webber, Vettel e Hamilton. Lo spagnolo, passato alla Ferrari, è favorito, in qualifica è terzo alle spalle della Red Bull di Vettel e della McLaren di Hamilton. Al via il tedesco mantiene la testa della corsa, mentre lo spagnolo perde una posizione su Button ma è sempre davanti a Webber. Un testacoda di Schumacher al primo giro fa entrare in pista la Safety Car, ecco che si aprono le danze ai box; la Ferrari richiama Alonso al 15° giro con l’obiettivo di marcare a “uomo” Webber. Il caso vuole che al rientro lo spagnolo si trovi davanti Vitaly Petrov; Alonso proverà in tutti i modi a sorpassare la Renault del russo ma tutti gli sforzi saranno vani. Nel frattempo Vettel vola verso la vittoria e verso il suo primo titolo, divenendo il più giovane campione del mondo di tutti i tempi.

Nel 2011 Sebastian Vettel arriva ad Abu Dhabi con il titolo in tasca e scatta dalla prima posizione sulla griglia di partenza. Tuttavia, dopo solo un giro il tedesco cede la posizione ad Hamilton a causa di una foratura; l’inglese e la sua McLaren si prendono la bandiera a scacchi, a completare il podio ci sono Alonso in Ferrari e Button in McLaren.

Kimi Raikkonen in Lotus si aggiudica l’edizione del 2012 al suo ritorno in Formula 1 dopo la parentesi rally; mentre Vettel, partito dalla pit-lane è terzo e festeggia il suo terzo titolo consecutivo. Da segnalare l’incidente tra Nico Rosberg e Karthikeyan all’ottavo giro: la monoposto del tedesco colpisce la HRT e spicca il volo…

Nel 2013 la RedBull celebra per la quarta volta consecutiva la vittoria del campionato costruttori e quello pilota; il ragazzo di Heppenheim diventa lo sceicco di Abu Dhabi, Vettel vince per la terza volta a Yas Marina ed entra nella Hall of Fame della Formula 1.

formula-1-gp-abu-dhabi-duelli-mondiali-nel-desertoL’anno seguente al via Hamilton passa il compagno di squadra Rosberg; nel corso della gara il tedesco accusa una perdita di potenza e pian piano scivola via anche dalla zona punti. Gli occhi sono tutti per Hamilton campione del mondo per la seconda volta e la Mercedes che batte ogni record.

Il dominio Mercedes 2015 è schiacciante e Lewis Hamilton arriva ad Abu Dhabi già campione del mondo; Nico Rosberg è scattato dalla pole e ha dominato la gara, davanti a Hamilton e Raikkonen.

Il 2016 è ancora tutto color argento con le Mercedes che dominano il campionato. Ma quest’anno c’è Nico Rosberg a guidare la classifica. Lewis Hamilton vince la gara, ma il pilota tedesco è campione del mondo per la sua prima volta. Dopo soli 5 giorni Nico Rosberg annuncia il suo addio alle corse per dedicarsi alla sua famiglia. La Formula 1 perde un grande campione e lascia libero il sedile della sua Mercedes.
Il 2017 ? Non sappiamo chi vincerà la gara, ma sappiamo che Lewis Hamilton arriva ad Abu Dhabi con il suo quarto titolo mondiale in tasca.

Scritto da: Silvano Lonardo

Silvano Lonardo

Appassionato di tecnologia, Formula 1, Lego e fotografia, mi occupo di progettare e sviluppare applicazioni web. Mi occupo di SEO, web marketing e Google Adwords. Blogger, insegnante di nuoto e papà.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.