Fernando Alonso durante la conferenza stampa parla del WEC e di Daytona

Formula 1 | GP Abu Dhabi 2017, Fernando Alonso: “Sono ottimista per il 2018!”

Fernando Alonso è ottimista per il 2018, non solo per la Formula 1, ma anche per la 24 ore di Daytona e chissà se riuscirà a disputare anche quella di Le Mans? Lui è un combattente e non vuole rinunciare a nulla!

Fernando Alonso arriva a Yas Marina speranzoso, pensando ormai al 2018. Il Gran Premio di Abu Dhabi sarà l’ultima gara con la McLaren motorizzata Honda e spera che con la Renault ci sia uno scenario differente. Tuttavia, dopo aver effettuato i test per il WEC e per la 24 ore di Daytona, il pilota spagnolo ha affermato che non cambierà il suo programma al di fuori della Formula 1, anche se inizierà a vincere con la McLaren nella prossima stagione. Infatti con un clamoroso “no”, Fernando Alonso ha risposto a una delle domande di un giornalista alla conferenza stampa della FIA a Yas Marina. Questo giornalista era interessato a sapere se lui sarebbe stato disposto a rinunciare a disputare gare nelle altre competizioni, nel caso in cui inizierà a vincere l’anno prossimo in Formula 1.

Per quel che riguarda la partnership con la Honda, Fernando Alonso ha sottolineato che è rammaricato per non aver raggiunto i risultati prefissati, ma rimane comunque ottimista per il 2018, infatti spera che con i motori Renault, possa lottare per vincere. Perciò ha affermato: “Penso che questo sia stato un buon momento per cambiare motorista e sono veramente ottimista, inoltre considero la Renault una seconda famiglia. Personalmente comunque ho avuto molte aspettative per il progetto Mclaren-Honda, per questo sono passato da Ferrari a McLaren, perché il progetto era molto interessante, ma purtroppo non abbiamo raggiunto i risultati che volevamo”.

Il due volte Campione del Mondo ha assicurato che le vetture del 2017 sono state più divertenti da guidare rispetto agli altri anni, anche se la McLaren Honda non gli ha permesso di lottare per ciò che per lui conta, cioè vincere. Nonostante tutto, però Fernando Alonso ha affermato che con la Honda, la McLaren aveva uno spirito di squadra esemplare e non è certo semplice buttare così il lavoro fatto in tutti questi anni. Infatti ha affermato: “In termini prestazionali non abbiamo ottenuto quello che ci aspettavamo, ma non ho nulla da ridire sull’impegno e sull’incredibile spirito di squadra. Abbiamo avuto alti e bassi, ma la squadra si è sempre impegnata per portare miglioramenti in ogni gara e nessuno si è mai arreso, nonostante tutto”.

Il due volte Campione del Mondo ha avuto l’opportunità di testare nei giorni scorsi la monoposto Toyota per il World Endurance Championship e anche la vettura con cui a gennaio disputerà la 24 ore di Daytona ed ha evidenziato le differenze tra le categorie che ha confrontato. A riguardo ha dichiarato: “Mi sento davvero bene. È stato fantastico. Sono stati dei test positivi sia con il Wec che per Daytona. Ogni settimana mi sto trovando al volante di vetture differenti e tutto ciò è stimolante. Sono felice di aver avuto questa opportunità. Ci sono tecnologie, come la trazione a 4 ruote, che in Formula 1 non abbiamo. Con la vettura con cui gareggerò a Daytona è stato davvero divertente, sono pronto per la gara, anche se quest’inverno non penso che avrò tempo libero, infatti sto studiando per essere pronto e farò del mio meglio”.

“Credo in me stesso e so di sapermi adattare, anche se forse non sono il più veloce, ma sono piuttosto bravo in ogni scenario. Ecco perché sento di essere pronto ad affrontare ogni serie, ad accettare consigli ed ovviamente a migliorare” ha così proseguito. Nelle due categorie che ha provato questa settimana, che sono entrambe gare di durata, Fernando Alonso ha sottolineato che tale compito richiede più lavoro di squadra rispetto alla Formula 1, dal momento che non corre solo lui in macchina, perciò ha affermato che ha ancora molto da imparare: “Ci sono molte cose differenti rispetto alla Formula 1, l’atmosfera è molto diversa, ci si deve anche sedere in posizione diversa, anzi è necessario addirittura condividere il sedile con altre due persone, perciò non è fatto appositamente per te, quindi non vi è il massimo del comfort, ma si deve condividere tutto, compreso il set-up”.

“Ci sono alcune cose di cui devi essere consapevole e cose che si devono imparare, gli stili di guida sono diversi . Devo ancora imparare l’efficienza del carburante, sono comunque felice, ma ho bisogno di più pratica per essere a mio agio con la vettura “ ha così continuato Fernando Alonso, insistendo anche che non vi sono progressi riguardo ad un possibile accordo per la 24 ore di Le Mans nel 2018. Sebbene voglia disputarla, non sa quando sarà possibile, perciò ha detto: “Non ho ancora deciso nulla su Le Mans, naturalmente disputerò Le Mans in futuro, perché è una gara interessante, ma non so se succederà il prossimo anno o in futuro”.

Infine, lo spagnolo ha valutato le ultime modifiche apportate da Liberty Media. Come ha detto dopo il Gran Premio degli Stati Uniti, non gli è piaciuta la presentazione dei piloti ad Austin, perché crede che tutto ciò non sia importante da fare in ogni appuntamento, infatti ha dichiarato: “Non mi piace la presentazione dei piloti fatta ad Austin, per me è stato un brutto scherzo, è un’ imitazione di ciò che accade in Indy, non ha senso di essere così tanto attesa, preferisco omaggiare il Paese in cui gareggiamo”. Tuttavia, Fernando Alonso apprezza gli sforzi dei proprietari del Circus per avvicinarsi di più ai fan e per migliorare la loro esperienza. “Oltre ad Austin, hanno avuto buone iniziative, questo è stato un buon passo in avanti, sono contento delle cose che stanno facendo per il futuro. I fan sono più vicini allo sport e alle squadre, possono quasi toccare le vetture, sta andando tutto nella direzione giusta”, ha così concluso.

Scritto da: Sabrina Aceto

Sabrina Aceto

Mi chiamo Sabrina ho 25 anni e sono milanista sfegatata da quando sono nata. Quando meno me l’aspettavo, la Formula 1 mi ha stravolto la vita e grazie a Fernando Alonso e ad Ayrton Senna mi sono innamorata di questo magico sport. Avere due miti come loro è un vero onore ed essere Alonsista è pura magia! Il mio tifare per il pilota, agli occhi di molti mi rende una tifosa atipica, ma come dice il mio cantante preferito Nesli “Cosa diranno non importa, non conta più, perché alla fine ciò che resta sei solo TU!” Ed è vero, ciò che conta veramente sono le emozioni ed i valori che una persona riesce a trasmetterci, ciò che dicono gli altri non ha importanza.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.