La Force vuole raggiungere un accordo con la Mercedes per George Russell

Formula 1 | George Russell richiesto dalla Force India come pilota di riserva per il 2018

La Force India vuole concludere un accordo con la Mercedes prima di Natale, per avere George Russell come pilota di riserva per il 2018

La Force India sta cercando di concludere un accordo con la Mercedes, per tenere George Russell come loro pilota di riserva in Formula 1, per la stagione 2018. Il campione di GP3 ha fatto il suo debutto in Formula 1, in Brasile, durante la prima sessione di prove libere del venerdì, guidando la Force India di Sergio Perez. George Russell ha effettuato 29 giri ed ha terminato la sessione al dodicesimo posto, 6 decimi più lento del compagno di squadra e compagno di Mercedes junior Esteban Ocon. Ora Mercedes e Force India stanno discutendo per trovare un accordo per poter usufruire di George Russell a lungo termine.

A riguardo il vicepresidente del team Force India, Bob Fernley ha dichiarato: “Non vedo alcun motivo per cui George Russell non debba ottenere il ruolo di riserva. La cosa principale è assicurarsi che tale disponibilità sia a lungo termine. Non vogliamo una cosa a breve termine. Questa sarebbe una bella cosa sia per la Mercedes che per noi stessi. La stessa cosa è accaduta con Esteban. Capita di avere un pilota che è sotto contratto e si adatta al nostro programma, adattandosi contemporaneamente e perfettamente anche al loro. Non sempre è così, ma siamo stati molto fortunati con Esteban e ora con George”.

George Russell ha fatto una buona impressione durante la sessione di 90 minuti che ha disputato in Brasile e guiderà nuovamente la Force India, stavolta però quella di Esteban Ocon, prima del finale di stagione, durante la prima sessione di prove libere di Abu Dhabi. A riguardo il vicepresidente della Force India ha affermato: “La sua esibizione nel weekend è stata eccellente, si è sistemato molto bene, possiamo imparare molto da come gareggia in pista e non solo da quello, ma anche dai programmi di simulazione. Quello che fa al simulatore si traduce in pista e possiamo confrontarlo”.

“Non ha trascorso moltissimo tempo nel simulatore, ma è stato sufficiente per noi, per essere in grado di avere una buona impressione su di lui. Non era mai stato sul circuito brasiliano e non aveva mai guidato la nostra vettura prima, ora lo porteremo ad Abu Dhabi dove avrà fatto entrambe le cose, così sarà interessante per lui, ma anche per noi che potremo valutarlo nuovamente. George è un giovane molto sicuro di sé, promettente, affascinante, simile un po’ ad Esteban per alcune cose. Speriamo di concludere un accordo con la Mercedes prima di Natale”, ha così concluso Bob Fernley

Scritto da: Sabrina Aceto

Sabrina Aceto

Mi chiamo Sabrina ho 25 anni e sono milanista sfegatata da quando sono nata. Quando meno me l’aspettavo, la Formula 1 mi ha stravolto la vita e grazie a Fernando Alonso e ad Ayrton Senna mi sono innamorata di questo magico sport. Avere due miti come loro è un vero onore ed essere Alonsista è pura magia! Il mio tifare per il pilota, agli occhi di molti mi rende una tifosa atipica, ma come dice il mio cantante preferito Nesli “Cosa diranno non importa, non conta più, perché alla fine ciò che resta sei solo TU!” Ed è vero, ciò che conta veramente sono le emozioni ed i valori che una persona riesce a trasmetterci, ciò che dicono gli altri non ha importanza.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.