Formula 1 Pierre Gasly Toro Rosso GP Malesia 2017

Formula 1 | Pierre Gasly vuole correre ad Austin: “Posso imparare e concentrarmi sul mio lavoro”

Pierre Gasly a Suzuka correrà con la Toro Rosso, ma la gara di Austin è in dubbio. In quello stesso fine settimana c’è anche la gara finale della Super Formula

È bastata appena una gara per trasformare Pierre Gasly in uno dei piloti più chiacchierati della griglia di partenza. Il pilota francese, che ha fatto il suo debutto in Formula 1 proprio lo scorso fine settimana, in Toro Rosso, al posto di Daniil Kvyat e che continuerà a occupare il sedile della STR12 anche a Suzuka, alla sua prima nella categoria massima dell’automobilismo sportivo ha chiuso in 14esima posizione, col compagno di team, Sainz JR, costretto al ritiro per un problema al motore.

Se in Giappone Pierre Gasly è sicuro di correre ancora difendendo i colori della Toro Rosso è la gara di Austin a essere in dubbio. Proprio in quel fine settimana si disputerà anche la finale della Super Formula giapponese, categoria nella quale il francese è in lotta per aggiudicarsi il titolo di Campione del Mondo. Anche se la scelta verrà sicuramente discussa col team, il 22enne di Rouen sembra avere le idee ben chiare: “Dopo il titolo della GP2, essere tra i candidati per aggiudicarmi quello in Super Formula mi fa provare sensazioni positive però se potessi disputare il Gran Premio degli Stati Uniti ad Austin sarebbe davvero sensazionale – ha raccontato ai colleghi di Autosport – Il mio obiettivo finale è correre in Formula 1 e continuare a disputare gare è un’esperienza davvero utile per il mio futuro visto che prendo sempre più confidenza col team e con la monoposto. Posso imparare e concentrarmi sul mio lavoro. Una cosa posso dirla: il team sa cosa penso e rispettano la mia volontà, ma non è ancora giunto il momento di parlare di queste cose“.

Se Pierre Gasly sta sicuramente vivendo il periodo migliore della sua vita sportiva, non si può dire lo stesso di Kvyat: “Non ho più sentito Daniil che è un mio amico ma non credo che scrivergli possa dargli conforto. Non ho nessuna intenzione di rendere il suo momento ancora più doloroso di quanto già non lo sia – ha proseguito il pilota francese – Se vorrà parlarmi io non ho nessun problema e non mi stupirei di vederlo di nuovo nel paddock presto“, ha concluso.

Scritto da: Eleonora Ottonello

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora, ho 30 anni e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono una dog-sitter. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso, cosa che mi ha creato non pochi grattacapi. Sono una tifosa di Formula 1 atipica: non ho un team del cuore ma il pilota, Fernando Alonso che tifo fin dal 2001. Sono pignola ma disordinata, pasticciona e folle.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.