Verstappen rischia dopo insulto a commissario FIA

Formula 1 | Max Verstappen rischia dopo l’insulto ad un commissario FIA

Le parole pronunciate nel post-gara da Max Verstappen contro uno dei commissari FIA potrebbero aver delle conseguenze per il pilota Red Bull

L’ultimo giro del Gran Premio degli Stati Uniti ha dato vita ad un sorpasso tanto spettacolare quanto irregolare, almeno secondo il giudizio della FIA, che ha deciso di penalizzare Max Verstappen declassandolo dalla terza alla quarta posizione finale.

Una penalità che ha fatto infuriare il pilota olandese che nel dopo gara ha etichettato come “idiota” uno dei commissari FIA, imputandogli di penalizzarlo deliberatamente negli ultimi GP. Questo comportamento sopra la righe potrebbe portare a conseguenze per il pilota Red Bull.

Verstappen, prima di lasciare Austin ha anche dichiarato: “Spero che ai fans non piacciano queste decisioni ed il prossimo anno non tornino”. Parole che sicuramente non hanno fatto piacere alla Federazione alle quali si sono aggiunte quelle del padre sui social che hanno acceso ulteriormente la polemica.

A difesa del proprio pilota, è intervenuto Christian Horner, team principal Red Bull: “Se Lewis Hamilton è autorizzato a criticare il presidente americano, allora anche un pilota frustrato può esprimere la sua opinione ha dichiarato alla testata tedesca Auto Motor und Sport.

Una sanzione, quella inflitta a Verstappen che ha diviso gli addetti ai lavori: se il taglio con tutte e quattro le ruote oltre la linea bianca è evidente, è altrettanto vero che altri tagli di pista nel corso del weekend non sono stati penalizzati.

“In tutti gli altri casi in cui i piloti hanno lasciato il circuito, – ha dichiarato il direttore di gara Charlie Whiting – hanno percorso una distanza maggiore. Max, invece, taglia l’angolo della curva con tutte le quattro ruote”.

Quello di Verstappen è un caso che ha un precedente: lo scorso anno, nel Gran Premio del Messico (prossimo evento in programma) Sebastian Vettel aveva usato parole pesanti contro Charlie Whiting dopo un duello proprio con Max Verstappen. Il pilota tedesco non subì conseguenze dunque riteniamo che anche l’olandese possa dormire sonni tranquilli.

Scritto da: Samuele Fassino

Samuele Fassino

Mi chiamo Samuele, ho 19 anni. Sono un grande appassionato di motori, specie di Formula 1 nella quale spero di lavorare un giorno. Oltre ai motori le mie passioni si estendono al calcio ed alla filosofia anche se, più in generale, mi piace tenermi informato su qualsiasi tema. Sono molto determinato e cerco sempre ottenere il massimo da ogni situazione.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.