daniel ricciardo red bull libere messico

Formula 1 | Gran Premio del Messico, Ricciardo: “E’ stata una buona giornata, non siamo distanti dalle altre scuderie”

Soddisfatto del tempo ottenuto durante le FP2, Daniel Ricciardo crede di riuscire a combattere per la pole, nonostante ci siano ancora degli aspetti su cui lavorare

Il Gran Premio del Messico sembra essere iniziato in modo favorevole per la Red Bull, che durante le prove libere del venerdì si è presentata come la seconda forza in pista, scavalcando anche le Ferrari di Vettel e Raikkonen.

Daniel Ricciardo, infatti, ha conquistato il primo posto durante le libere 2 con 1:17.801, battendo Lewis Hamilton di soli 0.131 decimi. Un tempo, questo, che stimola il pilota a credere che la monoposto abbia il ritmo giusto per soffiare la pole position a Hamilton e per condurre una gara all’altezza della freccia d’argento del pilota inglese.

 La soddisfazione di aver segnato un tempo così importante, inoltre, è stata amplificata anche da altre buone notizie per il pilota che, in seguito al ritiro del Gran Premio di Austin, temeva di dover sostituire il motore e, di conseguenza, subire una penalizzazione sulla griglia di partenza di Città del Messico.

Nonostante l’inizio soddisfacente del weekend di gara, Ricciardo rimane focalizzato e concentrato, convinto che la monoposto abbia bisogno di qualche ulteriore piccola modifica per poter combattere a tutti gli effetti con quello che sarà, sicuramente, uno scatenato Lewis Hamilton.

Penso che ci sia bisogno di guadagnare ancora qualche decimo per continuare a combattere, ma ci stiamo lavorando. È bello non dover cambiare molto sulla macchina, perché non ci sembra di essere lontani dalle altre scuderie. È sempre difficile correre qui, a causa del grip più basso,  ed è molto facile commettere degli errori, come avete visto oggi durante i giri di pista. Devi essere attento, gentile con la tua macchina, avere un buon feeling. Penso che siamo riusciti a trovare un set up molto buono oggi con la macchina e le temperature delle gomme, ma questo non significa che tutto il weekend sarà facile per noi.

Non sembra che dovrò effettuare una sostituzione del motore e, a meno che non succeda qualcosa di imprevisto, domenica disputerò la gara partendo dalla posizione ottenuta in qualifica.

Domenica la gara sarà molto allineata tra un pilota e l’altro, ma oggi è stata una buona giornata e proveremo e continueremo a muoverci in questa direzione per il resto del weekend”.

Scritto da: Anna Vialetto

Anna Vialetto

Mi chiamo Anna, ho 24 anni, laureata in Comunicazione e attualmente studentessa in Web Marketing & Digital Communication.
Sono una ragazza determinata e testarda, con la passione per lo scrivere, i libri e gli anime.
Nonostante le numerose cadute, cerco di trovare sempre il modo per rialzarmi e dare il meglio, per me e per la mia famiglia, punto di riferimento e fonte di ispirazione in ogni momento.
La passione per la Formula 1 è iniziata circa durante gli ultimi anni dell’era Schumacher in Ferrari e, da quel momento, non mi ha più abbandonata. Il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo, la velocità sono tutti elementi che mi tengono incollata allo schermo e mi fanno venire la pelle d’oca.
Il team a cui sono legata è Ferrari, con cui condivido gioie, dolori, rabbia, quasi come se vivessi in prima persona l’esperienza del Gran Premio: nonostante tutto, le emozioni che la scuderia e la Formula 1 riescono a regalarmi, sono qualcosa che è difficile spiegare a parole.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.