GP USA 2017: ordine di arrivo

Formula 1 | GP USA 2017: ordine di arrivo

Lewis Hamilton ha centrato la sua nona vittoria stagionale, aumentando fino a 66 i punti di vantaggio su Sebastian Vettel

Un’altra vittoria messa in bacheca. Lewis Hamilton, ormai, non si ferma più davanti a nessuno, nemmeno di fronte al disperato tentativo messo in scena da Sebastian Vettel nel GP degli Stati Uniti. Il tedesco della Ferrari, infatti, si è reso protagonista di un’ottima partenza e ha tenuto accesa la fiammella Mondiale per una possibile vittoria in quel di Austin nei primi giri, per poi arrendersi di fronte all’evidente superiorità della W08 Made in Brackley.

Con Hamilton primo davanti a Vettel, il britannico della Mercedes ora ha allungato fino a 66 i suoi punti di vantaggio in classifica Campionato, mentre ha completato il podio di questo appuntamento a stelle e strisce il finlandese Kimi Raikkonen, beffato dal giovane Max Verstappen nelle ultime curve che è poi stato scalzato dalla sua terza posizione con cinque secondi di penalità per il fatto che ha effettuato il suo sorpasso oltrepassando oltre il consentito i limiti della pista.

Grazie al quinto posto di Valtteri Bottas, invece, il team Mercedes è stato capace di centrare in anticipo il Titolo Costruttori 2017, lasciando la pratica di quello Piloti al prossimo appuntamento del Messico. “Migliore degli altri”, una volta di più, Esteban Ocon, che ha preceduto l’esordiente Carlos Sainz Jr sulla Renault RS17 e il compagno di squadra Perez sulla Force India gemella.

Nono posto per la migliore delle Williams di Felipe Massa, capace di mettersi dietro il rientrante Daniil Kvyat con la Toro Rosso che, in questo modo, ha dato una buona impressione alla compagine faentina per un suo probabile rientro ufficiale al volante della STR12.

Fuori dalla zona punti la seconda FW40 affidata a Lance Stroll, che ha comunque fatto meglio del rivale Stoffel Vandoorne e del debuttante Brendon Hartley, bravo a centrare un ha incoraggiante 13esimo posto con il quale ha regolato i conti con le due HAAS e con l’unica Sauber superstite di Ericsson.

GP USA 2017: ordine di arrivo

Scritto da: Giulio Scrinzi

Giulio Scrinzi

Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore.
La Formula 1 rappresenta per me un’opportunità come giornalista ma anche il sogno di una vita: diventare un pilota. I miei miti? Michael Schumacher e Ayrton Senna. Il mio motto? “Keep fighting”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.