gp messico f1 2017 sebastian vettel

Formula 1 | GP Messico 2017, Sebastian Vettel: “Non è stata una gara facile”

Il pilota della Ferrari ha chiuso in quarta posizione il Gran Premio del Messico, vedendo sfumare il suo sogno iridato a favore del rivale Lewis Hamilton

È stata una gara difficile per Sebastian Vettel: dopo il contatto alla curva 1, il pilota tedesco è dovuto rientrare ai box per sostituire l’alettone anteriore e, da quel momento, ha dovuto affrontare una gara completamente in rimonta.

“Ho lottato con tutto quello che avevo, ma la gara si è complicata con la sostituzione dell’alettone e non è stato facile. Speri sempre che succeda qualcosa, ma quando ho tagliato il traguardo, è stata dura. Rendersi conto che non puoi diventare campione del mondo non è facile”.

La delusione del pilota tedesco è tanta, soprattutto perché sono molti gli aspetti positivi che hanno caratterizzato la lotta per il mondiale, andati via via scemando solo durante le ultime gare.

“Abbiamo appena perso il titolo mondiale, abbiamo perso e non è il miglior momento della mia carriera. È il momento di guardare agli aspetti positivi; ci sono moltissime cose che sono andate per il verso giusto, come il team che ha lottato con così tanto entusiasmo. Per questo sono deluso, per lo sforzo fatto: sono consapevole di tutto quello che mi hanno dato e mi sarebbe piaciuto fare lo stesso”.

L’importante ora, secondo Vettel, è sfruttare i giorni di riposo prima della prossima gara, cercando di arrivare preparati al Gran Premio del Brasile e concludere la stagione nel modo in cui merita il team, contando sula velocità della monoposto per conquistare gli ultimi buoni risultati.

Il pilota della Ferrari cerca comunque di cogliere anche gli aspetti positivi da questo mondiale, convinto che l’esperienza delle gare passate possa dare alla scuderia del materiale su cui lavorare per migliorare la monoposto e le strategie di gara per il 2018, cercando di consolare anche i tifosi.

“Non ho molte parole per me né per i tifosi. È bello vedere che abbiamo tanto appoggio da parte loro, però dobbiamo accettare che è finita. So che abbiamo uno spirito incredibile e il miglior team, però non abbiamo raggiunto quello che volevamo e dobbiamo guardare al futuro: dobbiamo accettare il presente e guardare avanti”.

Infine, Vettel ha risparmiato delle parole anche per il rivale Lewis Hamilton, complimentandosi per la lotta della stagione e per essere risultato come il più forte, diventando meritatamente campione del mondo per la quarta volta in carriera.

Scritto da: Anna Vialetto

Anna Vialetto

Mi chiamo Anna, ho 24 anni, laureata in Comunicazione e attualmente studentessa in Web Marketing & Digital Communication.
Sono una ragazza determinata e testarda, con la passione per lo scrivere, i libri e gli anime.
Nonostante le numerose cadute, cerco di trovare sempre il modo per rialzarmi e dare il meglio, per me e per la mia famiglia, punto di riferimento e fonte di ispirazione in ogni momento.
La passione per la Formula 1 è iniziata circa durante gli ultimi anni dell’era Schumacher in Ferrari e, da quel momento, non mi ha più abbandonata. Il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo, la velocità sono tutti elementi che mi tengono incollata allo schermo e mi fanno venire la pelle d’oca.
Il team a cui sono legata è Ferrari, con cui condivido gioie, dolori, rabbia, quasi come se vivessi in prima persona l’esperienza del Gran Premio: nonostante tutto, le emozioni che la scuderia e la Formula 1 riescono a regalarmi, sono qualcosa che è difficile spiegare a parole.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.