Sebastian Vettel ottiene la pole

Formula 1 | GP Messico 2017, qualifiche: Sebastian Vettel fa la pole!

Grazie ad un giro perfetto, Sebastian Vettel si aggiudica la pole. Una bella iniezione di fiducia per la Ferrari. Qualifica complicata per Kimi Raikkonen e Daniel Ricciardo. E le Mercedes?

Sono state qualifiche al cardiopalma, quelle che si sono disputate all’Autodromo Hermanos Rodriguez in Messico. Con il crono di 1.16:488 e grazie ad un giro perfetto, Sebastian Vettel ha ottenuto la pole position, la 50esima della sua carriera. Una bella iniezione di fiducia per il team di Maranello dopo la crisi di affidabilità patita dalla monoposto e l’allontanarsi di un titolo che era quasi certo, quindi partire dalla prima posizione domani non può che far bene, anche se ormai la lotta per il titolo non dipende più solo da loro, ma specialmente dalla Mercedes.

In Q1 i due ferraristi hanno scelto la mescola supersoft, a differenza dei due piloti della Mercedes, che hanno utilizzato le ultrasoft, inserendosi così nei primi due posti della classifica, davanti a Max Verstappen, che è riuscito ad essere più veloce dei due ferraristi con la stessa mescola. In Q2, Lewis Hamilton ha battuto Sebastian Vettel per soli 23 millesimi durante il primo run, anche se gli occhi erano tutti puntati su Max Verstappen che è riuscito a rifilare ben mezzo secondo di distacco. Max Verstappen stava facendo meglio dei suoi avversari anche in Q3, prima che Sebastian Vettel grazie ad un giro perfetto lo battesse.

In seconda posizione, a soltanto 86 millesimi dalla vetta, troviamo appunto Max Verstappen, che però è sotto investigazione per aver ostacolato Valtteri Bottas, impedendogli così di concretizzare i record in T1 e T2. Il pilota belga dovrà spiegare ai commissari il perché di questo comportamento. In terza e quarta posizione troviamo le due Mercedes, rispettivamente di Lewis Hamilton e Valtteri Bottas, che con l’aumentare delle temperature non sono riuscite a dimostrare nuovamente la loro solita supremazia. In quinta posizione troviamo Kimi Raikkonen, distante dalla vetta di 750 millesimi, qualifica abbastanza sottotono per lui.

In sesta posizione troviamo Esteban Ocon con la Force India, che ha effettuato un’ottima qualifica. Settima posizione per Daniel Ricciardo, qualifica sottotono anche per lui, a causa non solo di problemi di assetto, ma anche perché non disponeva dell’ultima evoluzione della power unit. In ottava e nona posizione troviamo le Renault di Nico Hulkenberg e Carlos Sainz, distanti tra loro di tre decimi. Chiude la top ten l’idolo di casa, Sergio Perez, distante dal compagno di squadra di ben quattro decimi. Fuori dalla top ten, troviamo in 11esima e 12esima posizione, le Williams di Felipe Massa e Lance Stroll. Sabato pomeriggio nero per il neozelandese Brendon Hartley, che è stato costretto a fermarsi in Q2 a causa di un calo di potenza e quindi ha ottenuto la 13esima posizione. A causa delle troppe posizioni di penalità da scontare, Fernando Alonso e Stoffel Vandoorne non sono scesi in pista durante la Q2.

Il pilota spagnolo dovrà scontare 35 posizioni sulla griglia di partenza per l’installazione sulla sua monoposto del nono motore a combustione interna, dell’undicesimo turbocompressore e della decima MGU-H stagionale. Fernando Alonso nel corso della Q1 si è reso protagonista di un eccellente giro che lo aveva portato in quinta posizione, anche se poi ha accusato l’ennesimo calo di potenza, fortunatamente però l’allarme è rapidamente rientrato. Fuori dalla Q2 troviamo le due Sauber, rispettivamente di Marcus Ericsson e Pascal Wehrlein, distanti tra loro di 150 millesimi. Il circuito del Messico si rivela nuovamente ostico e da incubo per la Haas, infatti sia Kevin Magnussen che Romain Grosjean, come il 2016 non sono approdati in Q2.

Le qualifiche sono finite prima ancora di iniziare per Pierre Gasly. La power unit danneggiata durante la terza sessione di prove libere, ha dato filo da torcere ai meccanici della Toro Rosso che non sono riusciti a riparare la monoposto in tempo per la Q1. Weekend davvero difficile ed in salita per lui. Ecco di seguito tutti i tempi effettuati dai piloti:

I tempi effettuati dai piloti nelle qualifiche per il GP del Messico

Scritto da: Sabrina Aceto

Sabrina Aceto

Mi chiamo Sabrina ho 25 anni e sono milanista sfegatata da quando sono nata. Quando meno me l’aspettavo, la Formula 1 mi ha stravolto la vita e grazie a Fernando Alonso e ad Ayrton Senna mi sono innamorata di questo magico sport. Avere due miti come loro è un vero onore ed essere Alonsista è pura magia! Il mio tifare per il pilota, agli occhi di molti mi rende una tifosa atipica, ma come dice il mio cantante preferito Nesli “Cosa diranno non importa, non conta più, perché alla fine ciò che resta sei solo TU!” Ed è vero, ciò che conta veramente sono le emozioni ed i valori che una persona riesce a trasmetterci, ciò che dicono gli altri non ha importanza.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.