f1 gp messico 2017 max verstappen

Formula 1 | GP Messico 2017, Max Verstappen: ” Sono deluso per il risultato raggiunto”

Max Verstappen si è dovuto accontentare della seconda piazza sulla griglia di partenza in Messico, peggio il suo compagno di box Daniel Ricciardo soltanto settimo con l’attenuante di usare un motore vecchio.

Max Verstappen dopo i primi due turni sembrava avere la pole position in pugno, invece è stato beffato da un capolavoro di Sebastian Vettel, il pilota olandese però è deluso perchè crede di non essere riuscito a scaldare a dovere le gomme nel tentativo finale e questo lo ha penalizzato tantissimo.

Sono terribilmente deluso! Non so cosa sia successo, nel Q3 è diventato più difficile con le gomme. Alla fine il secondo posto è comunque buono, ma non del tutto. Ho dato tutto ma forse non è stato sufficiente. Volevo una bella pole, ma comunque domani è un’ottima posizione di partenza. Credo che nel Q3 non sono riuscito a scaldare bene le gomme, questa pista è molto scivolosa e le gomme anteriori non funzionavano bene, sentivo un po’ di sottosterzo e non è stato possibile migliorare il secondo posto, che è sempre una buona posizione anche se speravo di più. Cosa è mancato è difficile dirlo, in realtà abbiamo fatto le stesse cose del Q2 ma entrambi i treni gomme in Q3 non si sono scaldati bebe come in Q2 e anche il terzo settore era più difficile. Capita, a volte in qualifica metti lo stesso set ed è più complicato rispetto a prima”.

Dall’altra parte del box, è notte fonda, Daniel Ricciardo si è qualificato soltanto settimo con quasi un secondo di ritardo dalla pole position in un tracciato relativamente corto come quello messicano, forse i problemi sono tutti nella power unit non aggiornata montata sulla macchina dell’australiano, ma crediamo che anche qualche altra componente aggiornata (sospensione) non sia presente sulla monoposto numero 3.

È stata una sessione molto strana per me, sin dall’inizio della qualifica avevo sempre lo stesso grip, un grip molto basso, poi quando sono uscito scivolavo molto. Dopo non era possibile fare di più. In Q3 ho anche provato a fare un giro in più per scaldare le gomme ma non è cambiato nulla . Credo che alla fine sia un problema più grande, non so ancora, non abbiamo fatto nulla sulla macchina rispetto al venerdì, non abbiamo cambiato nulla, la vettura di Max ha il motore nuovo e questo fa differenza, ma non pensavo una differenza così grande. Secondo me qualcosa non ha funzionato, le gomme non le sentivo bene in temperatura e sono frustrato. Abbiamo comunque un buon passo, se capiamo qual è il problema torniamo ad avere una macchina come il resto del weekend il podio è possibile, dobbiamo capire quale sia stato il problema”

 

Scritto da: Federico Crisetti

Federico Crisetti

Mi chiamo Federico Crisetti ho 24 anni, sono laureato in Informatica attualmente studente Magistrale all’Università Statale di Milano.
Appassionato di sport , soprattutto di F1, seguo questo sport H24, non perdo un singolo istante di ogni weekend o evento F1, come per tutte le mie passioni dedico tutto me stesso.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.