f1 valtteri bottas gp giappone mercedes
LAT Images

Formula 1 | GP Giappone 2017, Valtteri Bottas: “Non devo mai perdere la mia sicurezza”

Valtteri Bottas partirà 7° per aver sostituito il cambio, ma in qualifica è riuscito a dimostrare che la macchina rende bene a Suzuka

Valtteri Bottas commenta la propria situazione, pronto ad affrontare un’altra gara difficile, questa volta a causa di una penalità. Un’improvvisa sostituzione del cambio nella giornata di ieri ha penalizzato il finlandese di 5 posizioni, che hanno annichilito il vantaggio della sua 2a posizione nelle qualifiche di oggi a Suzuka.

Bottas si è ritrovato ad affrontare un periodo difficile, passando rapidamente da uno sfidante per il titolo (seppur lontano) a un anonimo performer nella top 10. Con l’arrivo in Giappone, tuttavia, la Mercedes è tornata in forma e ciò ha consentito a Valtteri Bottas di osare di più in qualifica e riconquistare la prima fila, nonostante domani parta 7° per via della penalità.

“E’ stata una giornata complicata. Ho avuto un incidente in FP3 e ho danneggiato la macchina, ma i ragazzi hanno svolto un ottimo lavoro nel ripararla, tutto ha funzionato perfettamente. Recentemente ho avuto qualche difficoltà, ero fuori forma con il passo. Almeno oggi sono un po’ più vicino e con i pochi giri completati oggi non è niente male.” ha dichiarato il pilota Mercedes.

“Tuttavia è un peccato perdere la posizione conquistata a causa di una penalità, dato che il feeling della macchina era migliore rispetto a quello della settimana scorsa. Sono stato in grado di fidarmi di più e questo mi ha permesso di guidare in modo più naturale, cosa che rende il risultato di gran lunga migliore. Non dovrei perdere la mia sicurezza: è fondamentale in questo sport. Devo solo continuare, andare avanti e imparare.” 

Data la difficoltà dei sorpassi sull’ottovolante nipponico, la Mercedes e Bottas punteranno su una strategia diversa per recuperare posizioni: Partirò con gli pneumatici Soft, quindi abbiamo l’opportunità di provare una strategia diversa rispetto alle altre macchine vicino a noi. Spero di guadagnare qualche posizione grazie a questo, dato che i sorpassi sono difficili su questa pista.”

Scritto da: Beatrice Zamuner

Beatrice Zamuner

Mi chiamo Beatrice, ho 19 anni e ho frequentato il Liceo Classico Franchetti a Mestre. Ora studio lingue all’università Ca’ Foscari e faccio parte di f1world da 3 anni. Da un anno scrivo anche in inglese e attualmente scrivo e realizzo video per MotorLAT. L’interesse per la F1 è nato dalle vittorie di un giovane ma carismatico Fernando Alonso. Da grande vorrei diventare giornalista sportiva, perché ritengo che unire passione e professione sia la cosa migliore che un individuo possa attuare in tutta la propria vita.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.