f1 gp giappone 2017 max verstappen

Formula 1 | GP Giappone 2017, Max Verstappen: “Oggi non sarei riuscito a superare Hamilton”

Dopo la convincente vittoria in Malesia, Max Verstappen in Giappone si piazza sul secondo gradino del podio confermando un ottimo stato di forma suo e della vettura in questo finale di stagione.

Il pilota della Red Bull Max Verstappen chiude sul secondo gradino del podio a Suzuka, alle spalle di Lewis Hamilton, nonostante nel finale sia riuscito a mettergli pressione. Max afferma che solo con una strategia differente avrebbe potuto insidiare l’inglese in quanto c’era troppa differenza di velocità in pista.

Verstappen, nonostante il secondo successo stagionale sia sfuggito per poco più di un secondo e per un doppiaggio reso complesso da Alonso, ha mostrato il sorriso dei giorni migliori ed ha lodato la ritrovata competitività della monoposto: ultimamente siamo molto competitivi. Oggi sono partito decisamente bene ed è stato un vantaggio su una pista simile dove superare non è semplice. Sono riuscito ad avere un buon passo con le super soft, anche se non buono come quello di Lewis, ma quando abbiamo messo le soft eravamo più veloci di lui. Siamo riusciti a mantenere il gap entro i tre secondi, e questo anche su suggerimento del team per evitare di stressare eccessivamente gli pneumatici e sfruttarli al meglio sul finale di gara. Sono molto contento del passo che abbbiamo mostrato, ma non penso che sarei riuscito a superare Lewis“.

Nel paddock si discuteva di un possibile rallentamento di Alonso che non ha permesso a Max di attaccare Lewis, ma il baby-prodigio olandese placa le polemiche con il suo punto di vista sulla questione: “il disegno del tracciato di Suzuka rende complesso restare in scia a chi ti precede. Hai la possibilità di superare solo con la giusta strategia, ma oggi sia io che Lewis avevamo la stessa strategia e la stessa scelta di gomme. Magari la prossima gara potrò superarlo.La nostra vettura sta migliorando costantemente. La qualifica rimane ancora il nostro punto debole, mentre in gara mostriamo un progresso superiore a quello effettuato dai nostri rivali”.

 

Scritto da: Federico Crisetti

Federico Crisetti

Mi chiamo Federico Crisetti ho 24 anni, sono laureato in Informatica attualmente studente Magistrale all’Università Statale di Milano.
Appassionato di sport , soprattutto di F1, seguo questo sport H24, non perdo un singolo istante di ogni weekend o evento F1, come per tutte le mie passioni dedico tutto me stesso.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.