Addio Titolo: Pierre Gasly beffato da un tifone a favore di Ishiura

Formula 1 | Addio Titolo: Pierre Gasly beffato da un tifone a favore di Ishiura

A causa di un tifone le gare di Suzuka della Super Formula giapponese sono state cancellate: questo ha privato Pierre Gasly di lottare per il Titolo

Vi ricordate il Mondiale del 1984? Vinto da Niki Lauda per mezzo punto contro Alain Prost? Ecco, anche stavolta la storia si è ripetuta: come il francese quattro volte Campione del Mondo, anche il giovane Pierre Gasly è stato beffato all’ultimo proprio per mezza lunghezza. Il motivo? Un tifone ha colpito con forti raffiche di vento e pioggia il tracciato di Suzuka, sede dell’ultimo round nel quale il pilota transalpino avrebbe dovuto lottare questo weekend per il Titolo nella Super Formula giapponese.

Prima è toccato alle prove libere, poi alle qualifiche e infine alle due gare in programma domani, tutte cancellate a causa di condizioni meteorologiche davvero proibitive. In questo modo, la classifica finale è rimasta quella del round precedente di Sugo, con la sola eccezione dei punti aggiuntivi per la pole position conquistata da Andre Lotterer e Jann Mardenborough.

Di conseguenza, il Titolo della Super Formula giapponese 2017 è stato consegnato al leader Hiroaki Ishiura, capace di firmare così il secondo iride in tre anni.
Una grandissima beffa per il giovane Gasly, che aveva rinunciato al round di Austin al volante della Toro Rosso proprio per adempiere al proprio impegno con il team Mugen-Honda, che voleva conquistare la corona d’alloro iridata ai danni della Toyota.

Ma non è tutto, perchè il colosso giapponese che l’anno prossimo fornirà le power unit alla Scuderia di Faenza non solo è stato battuto nel Campionato Piloti, ma anche in quello Costruttori, per soli quattro punti a favore del team Inging di Ishiura. Se non è sfortuna questa…

Scritto da: Giulio Scrinzi

Giulio Scrinzi

Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore.
La Formula 1 rappresenta per me un’opportunità come giornalista ma anche il sogno di una vita: diventare un pilota. I miei miti? Michael Schumacher e Ayrton Senna. Il mio motto? “Keep fighting”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.