Formula 1 GP Singapore 2017 Ferrari
Foto: Ferrari.com

Formula 1 | GP Singapore 2017: la Ferrari incendia Twitter con un messaggio al veleno contro Verstappen

La Ferrari prima sembra accusare l’olandese su Twitter con un cinguettio al veleno ma è mistero su chi ha pubblicato il messaggio

Da quando i social networks hanno fatto il loro debutto nel mondo della comunicazione e anche nel Mondiale di Formula 1, non si può dire che piloti e scuderie se la vivano poi così bene. Archiviati vari e presunti scandali passati che hanno messo sotto la lente d’ingrandimento i principali protagonisti del Mondiale, questa volta a finire nella fossa dei leoni è stata la Ferrari a causa di un tweet al veleno, indirettamente rivolto al pilota della Red Bull, Max Verstappen.

Il Gran Premio di Singapore ci ha regalato diverse controversie in pista che, come da copione, infiammano non solo l’asfalto ma anche e soprattutto i social media, popolati da un numero sempre crescente di pseudo piloti e team manager. Proprio pochissimi minuti dopo il via e il conseguente ritiro di entrambe le Ferrari, il Cavallino Rampante ha pubblicato sul proprio profilo di Twitter un messaggio che apparentemente sembrava dare la colpa dell’incidente iniziale a Verstappen. Secondo la prima ricostruzione degli uomini della Rossa il pilota olandese avrebbe toccato prima Raikkonen che poi avrebbe impattato, senza alcuna colpa, contro Vettel.

A causa dell’enorme influsso sul social media dell’uccellino la Ferrari è stata obbligata a correggere il tiro con un messaggio di scuse: “Quello che abbiamo twittato in precedenza corrisponde a una descrizione fattuale di quanto avvenuto. Non è necessario speculare su ciò“. In base a quanto ricostruito però dai colleghi di Sky F1 sarebbe un mistero il nome della persona che ha pubblicato il velenoso messaggio: il tweet non sarebbe stato pubblicato dal Responsabile della Comunicazione della Ferrari, tanto meno approvato da qualcuno del Cavallino Rampante, tanto da arrivare a pensare che a buttare ulteriore benzina sul fuoco per un fatto che farà parlare ancora parecchie settimane, sia stato un membro del team all’interno del garage.

E intanto non sono mancate nemmeno le repliche degli addetti ai lavori. Uno dei primi ex piloti a esprimersi sulla faccenda è stato Mark Webber che non ha risparmiato frecciatine alla Ferrari: “Detto da un addetto stampa che non ha mai guidato un go-kart..“, ha cinguettato l’australiano. Della stessa linea si è mostrato anche un altro illustre ex del calibro di Damon Hill che, molto più laconico, ha semplicemente scritto “davvero una brutta manovra di Sebastian Vettel“.

Scritto da: Eleonora Ottonello

Eleonora Ottonello
Mi chiamo Eleonora, ho 30 anni e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono una dog-sitter. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso, cosa che mi ha creato non pochi grattacapi. Sono una tifosa di Formula 1 atipica: non ho un team del cuore ma il pilota, Fernando Alonso che tifo fin dal 2001. Sono pignola ma disordinata, pasticciona e folle.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.