GP Malesia 2017, Hamilton: “Non abbiamo aderenza”, Bottas: “La mia W08 è nervosa”

Formula 1 | GP Malesia 2017, Hamilton: “Non abbiamo aderenza”, Bottas: “La mia W08 è nervosa”

Al termine delle prove libere del venerdì i due piloti della Mercedes, Hamilton e Bottas, si sono trovati in serie difficoltà nel gestire una W08 con poca aderenza e molto nervosa

Un venerdì molto difficile per le Frecce d’Argento in Malesia, su un circuito di Sepang che sulla carta avrebbe dovuto essere loro favorevole e invece le ha viste in serie difficoltà di assetto sia sotto la pioggia della mattina che sull’asfalto asciutto del pomeriggio.
Il problema principale? La mancanza generale di aderenza e la propensione a un posteriore molto nervoso, che ha costretto Lewis Hamilton e Valtteri Bottas rispettivamente in sesta e settima posizione.

A dire la verità non sappiamo cos’è successo: la nostra Mercedes non aveva né aderenza né il passo per contrastare le più competitive Ferrari e Red Bull”, queste le parole di Hamilton, confermate subito dopo dal compagno di squadra Bottas.
Ci mancano le prestazioni: l’equilibrio della mia W08 non era male, ma sicuramente l’aderenza sull’asfalto non è ottimale. Abbiamo tanto lavoro da svolgere per le qualifiche di domani, soprattutto in ottica di scaldare presto le gomme senza la necessità di percorrere più giri per mandarle in temperatura”.

Uno scivolone pesante per i due titolari del reparto corse di Brackley, al quale si aggiunge anche quello in cui il tre volte Campione del Mondo britannico si è reso protagonista sul suo canale Instagram. In segno di protesta contro i commenti razzisti di Donald Trump, Hammer aveva postato un video che ritraeva un cagnolino di piccola taglia tentare un approccio sessuale con un pupazzo raffigurante il Presidente degli Stati Uniti.

Un filmato di pessimo gusto, che dopo poche ore dalla sua pubblicazione è stato immediatamente cancellato dal web. Il punto della questione? Sembra che a toglierlo non sia stato Hamilton: “In quel momento stavo guidando, e in ogni caso non l’avrei tolto per nessuna ragione al mondo”.

Scritto da: Giulio Scrinzi

Giulio Scrinzi

Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore.
La Formula 1 rappresenta per me un’opportunità come giornalista ma anche il sogno di una vita: diventare un pilota. I miei miti? Michael Schumacher e Ayrton Senna. Il mio motto? “Keep fighting”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.