Formula 1 | GP Italia 2017, GP di casa nero per la Ferrari: botta e risposta tra Marchionne e Vettel!

GP d’Italia deludente per la Ferrari. Il presidente Sergio Marchionne ha definito il gap con le Mercedes “quasi imbarazzante”, ma Sebastian Vettel non è d’accordo!

La non vittoria della Ferrari a Monza, (seppur la Rossa di Sebastian Vettel è arrivata sul gradino più basso del podio) non è andata giù al presidente Sergio Marchionne, che ha affermato: “Il gap visto tra Mercedes e Ferrari è stato quasi imbarazzante e deludente. Vedremo cosa accadrà a Singapore”. Una doppietta Mercedes in quella che è la patria della Ferrari, il suo presidente proprio non se l’aspettava, ma anche la pioggia ci ha messo del suo, per rovinare la festa delle Rosse.

Infatti a riguardo ha dichiarato: “Rispetto al Belgio, non c’è stato alcun miglioramento nella monoposto, in quanto quel qualcosa che abbiamo modificato nell’assetto della vettura non ha funzionato come ci aspettavamo. Le prove saltate sabato mattina e le qualifiche infinite per la pioggia battente hanno influito, anche se la Mercedes ha dimostrato di essere superiore alla Ferrari, perciò anche se abbiamo provato a far il possibile, non ci siamo riusciti purtroppo”. Tale risultato, per quanto sia snervante non cambia gli obiettivi che la Ferrari vuole ottenere.

Infatti il presidente Sergio Marchionne ha affermato quasi con rabbia: “L’obiettivo da raggiungere ovviamente non cambia, vogliamo ottenere il Mondiale Piloti e Costruttori, anche se fa rabbia vedere che la Mercedes ieri ci rifilava quasi un secondo a giro. Questa è una cosa che non accetto, questa non può essere la Ferrari ed anche se i prossimi tracciati dovrebbero essere per noi più favorevoli, non possiamo cullarci per questo, perciò dobbiamo impegnarci ancora di più per migliorare. E’ necessario togliere il sorriso dalla faccia dei nostri rivali, mi stanno girando le scatole per questa gara”.

La delusione e la rabbia del presidente Sergio Marchionne, non hanno contagiato Sebastian Vettel che non trovandosi d’accordo con lui, ha affermato: “Si sa che molte volte le gare non vanno come vorremmo, ma io rimango comunque positivo, perché ho la consapevolezza di avere alle mie spalle un team come la Ferrari, che è davvero forte e che ha sete di vittoria e di migliorarsi continuamente per raggiungere l’obiettivo prefissato. Durante le gare può succedere di tutto, per questo non mi trovo pienamente d’accordo con le parole del presidente, dato che vi sono gare in cui possono arrivare imprevisti che cambiano totalmente l’esito della corsa ed in quanto ieri abbiamo fatto di tutto, per ottenere il miglior risultato possibile”.

I prossimi circuiti dovrebbero essere più favorevoli per la Ferrari, ma Sebastian Vettel non è interessato a questo, bensì a far bene, specialmente in qualifica, perciò ha dichiarato: “Le gare si vincono in pista, non sulla carta. Dobbiamo migliorarci in qualifica, perché partire davanti a tutti dà molti vantaggi, in quanto non si rimane bloccati nel traffico e si evita tanti altri problemi, che possono presentarsi partendo da dietro. Perciò è necessario continuare a lavorare per il resto della stagione, per migliorarci sempre di più. Essere dietro in classifica non è uno svantaggio, bensì un vantaggio per tenere sempre alta la concentrazione!”

Scritto da: Sabrina Aceto

Sabrina Aceto
Mi chiamo Sabrina ho 25 anni e sono milanista sfegatata da quando sono nata. Quando meno me l'aspettavo, la Formula 1 mi ha stravolto la vita e grazie a Fernando Alonso e ad Ayrton Senna mi sono innamorata di questo magico sport. Avere due miti come loro è un vero onore ed essere Alonsista è pura magia! Il mio tifare per il pilota, agli occhi di molti mi rende una tifosa atipica, ma come dice il mio cantante preferito Nesli “Cosa diranno non importa, non conta più, perché alla fine ciò che resta sei solo TU!” Ed è vero, ciò che conta veramente sono le emozioni ed i valori che una persona riesce a trasmetterci, ciò che dicono gli altri non ha importanza.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.