Formula 1 | Toro Rosso-Honda: continuano i colloqui

Secondo i media britannici, martedì è avvenuto l’ultimo di una serie di colloqui tra Helmut Marko e Masashi Yamamoto, responsabile del motorsport Honda

Arrivano le prime novità sui contatti tra Toro Rosso e Honda, allacciati nelle ultime settimane nell’ottica di un’eventuale partnership a partire dal 2018. La Honda vuole unirsi ad un altro team perché, nel caso proseguisse pure con la McLaren, offrirebbe le power unit a due squadre, ricavandone benefici per lo sviluppo.

A quanto riporta Autosport, martedì scorso ha avuto luogo l’ultimo di una serie di meeting tra Helmut Marko della Red Bull e Masashi Yamamoto della Honda. Scopo dell’incontro è capire quali possibilità ci sono per una partnsership tra il costruttore giapponese e la Casa di Faenza, nonostante quest’ultima abbia un contratto in essere con la Renault fino al 2018 compreso.

Ma la mossa non sarebbe fine a se stessa. Alla Red Bull fanno progetti a lungo termine e l’ipotetica operazione ToroRosso-Honda avrebbe uno scopo ben preciso, secondo le fonti che hanno dato la notizia: se a Milton Keynes vedranno infatti progressi da parte della Honda, allora sarà anche la Casa madre, magari nel 2019, a beneficiare delle power unit giapponesi.

Una possibilità, quella della Red Bull motorizzata Honda, emersa già nel 2015, quando il rapporto con la Renault raggiunse il punto più basso e a Milton Keynes cominciarono a mettere al vaglio ogni possibilità alternativa (tramite colloqui anche con Mercedes e Ferrari). L’operazione Red Bull-Honda, però, fu bloccata sul nascere da Ron Dennis, che voleva garantire l’esclusività delle power unit giapponesi alla McLaren.

Ma ora la direzione alla McLaren è cambiata e non si sa nemmeno se a Woking andranno avanti con Honda. È probabile che accadrà almeno per un altro anno, ma anche in questo caso la Casa britannica non metterà veti su una eventuale fornitura Honda alla Toro Rosso. Anzi, la McLaren potrebbe addirittura offrire la scatola del cambio che la Honda inserirebbe nelle power unit fornite alla Toro Rosso.

Diverso il discorso, secondo Autosport, nel caso sarà la Red Bull a garantirsi la fornitura dei motori Honda. In quel caso, la McLaren reagirebbe con un nuovo veto? Ma queste sono solo supposizioni.

 

Scritto da: Luca De Franceschi

Luca De Franceschi
Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.