Formula 1 | Raikkonen tira le somme sulla stagione 2017: “Non sono contento dei miei risultati”

Due secondi posti e altrettante medaglie d’argento assieme alla pole di Monaco: questo il palmares 2017 di Raikkonen, del quale il finlandese si è detto poco soddisfatto

La stagione 2017 di Kimi Raikkonen in breve? Due secondi posti a Monaco (dove tra l’altro ha firmato anche la sua prima pole position stagionale) e nel recente GP d’Ungheria e altre due medaglie di bronzo sul circuito di Sochi, in Russia, e in quello di Silverstone, in Inghilterra.
Un palmares che lo vede al momento in quinta posizione in Classifica Piloti con 116 punti, uno in meno per raggiungere la quarta piazza di Daniel Ricciardo ma ben 86 di svantaggio nei confronti del suo compagno di squadra Sebastian Vettel.

Quello che gli è sfuggito fino a questo momento? Quel gradino più alto del podio che gli manca dal lontano 2013 nel GP inaugurale d’Australia, quando correva con la Lotus, o ancora dal Gran Premio del Belgio della stagione 2009 se consideriamo esclusivamente i suoi trascorsi in Ferrari.
Una situazione che non piace al finlandese del Cavallino Rampante, il quale ha affermato che il suo obiettivo è sempre quello di vincere e che i risultati attuali sono ben al di sotto delle sue aspettative.

Se sono contento della mia stagione 2017? Posso dire che ora sono finalmente veloce e competitivo in pista, ma non sono soddisfatto dei risultati che finora ho portato a casa – ha sostenuto Raikkonen – Stiamo cercando di mettere le cose al posto giusto, ma non è bello lottare per poi constatare che, invece, tutto va proprio al contrario. Io voglio vincere e continuare a stare davanti a tutti, il mio intento non è solamente partecipare!”.

Purtroppo, però, quello che è stato è stato e non è possibile cambiarlo – ha continuato Kimi – Il mio futuro? La mia squadra sa quello che voglio, tuttavia bisogna vedere se le mie motivazioni sono sufficienti a farmi correre con la Ferrari anche il prossimo anno: alla fine saranno loro a decidere qual è la cosa giusta da fare”.

Scritto da: Giulio Scrinzi

Giulio Scrinzi

Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore.
La Formula 1 rappresenta per me un’opportunità come giornalista ma anche il sogno di una vita: diventare un pilota. I miei miti? Michael Schumacher e Ayrton Senna. Il mio motto? “Keep fighting”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.