formula1-2017-gp-belgio-gara-sebastian-vettel

Formula 1 | GP Belgio 2017, Sebastian Vettel: “Da oggi non temiamo più nessuna pista”

Sebastian Vettel si deve accontentare del secondo posto a Spa, dietro il suo rivale per il mondiale Lewis Hamilton, ma con la consapevolezza di avere una macchina competitiva su ogni circuito

Sebastian Vettel si è dovuto accontentare del secondo posto dietro a Lewis Hamilton, è mancato quel guizzo, quel pizzico di velocità in più per sopravanzare la Mercedes sul rettilineo. Senza dubbio un ottimo risultato per lui e per il team, anche se a motori spenti è spuntato un po’ di rammarico per non aver fatto meglio in qualifica.

Sì, credo che la differenza l’abbia fatta la pole di ieri. Penso che se fossimo riusciti a partire davanti allora saremmo riusciti a mantenere la posizione. Sono riuscito a seguirlo da vicino per tutta la gara. Quando sono rientrato per il ptimo pit stop pensavo sarebbe stato difficile perché pensavo di beneficiare della scia. Nonostante Lewis fosse molto veloce nel settore centrale, io riuscivo a stare vicino a lui nel primo e nel terzo. ma poi avevo le gomme già usurate e la Mercedes aveva due vetture che mi mettevano pressione. Non c’era una vera opportunità. Dopo la ripartenza ho avuto un’opportunità. forse è stata più una mezza opportunità. Sono un po’ arrabbiato con me stesso perché forse mi sono avvicinato troppo alla Curva 1, ho cercato di aprire un po’ in divario all’Eau Rouge ma poi è stato difficile perché ho dovuto gestire anche i piloti che mi stavano dietro, avevo paura di subire un attacco qualora avessi sbagliato qualcosa. Sapevo però che sul rettilineo non avevamo la stessa velocità delle Mercedes e se avessi preso troppo distacco non sarei più riuscito a ricolmarlo. Era difficile centrare il tempismo perfetto, io non l’ho trovato. Per questo non sono molto contento, perché io avrei voluto vincere qui”.

Ora l’attenzione si sposta immediatamente su Monza, la gara di casa della Ferrari, che si disputerà tra appena una settimana. Vettel è fiducioso, perché pensa di poter fare bene dopo aver dimostrato il valore della sua vettura su una pista come Spa.

“Sicuramente in una pista come questa, che è paragonabile a Silverstone per certi versi, siamo stati molto veloci e abbiamo fatto un grande passo avanti. La macchina era davvero fantastica. Penso che per Monza dobbiamo essere molto ottimisti, abbiamo la macchina, le prestazioni e Monza è la nostra gara di casa. Avremo un grande sostegno e ne avremo bisogno. E’ anche il 70esimo anniversario della Ferrari. Ma ora testa bassa e pensiamo a Monza”.

Scritto da: Federico Crisetti

Federico Crisetti
Mi chiamo Federico Crisetti ho 24 anni, sono laureato in Informatica attualmente studente Magistrale all’Università Statale di Milano. Appassionato di sport , soprattutto di F1, seguo questo sport H24, non perdo un singolo istante di ogni weekend o evento F1, come per tutte le mie passioni dedico tutto me stesso.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.