Formula 1 | Zak Brown: “Se dimostreremo di essere competitivi, Fernando Alonso rimarrà!”

Zak Brown parla del futuro di Fernando Alonso alla McLaren e spiega cosa dovrebbe fare secondo lui, Liberty Media per la Formula 1

Si avvicina la pausa estiva per la Formula 1 e con essa non solo team e fabbriche si riposano, ma arriva anche il momento in cui molti piloti devono pensare al proprio futuro. Colui che è in questa situazione è Fernando Alonso, anche se Zak Brown ha affermato che il pilota spagnolo dovrebbe rinnovare con la McLaren. Molteplici sono i tentativi svolti dalla McLaren per cercare di trattenere Fernando Alonso per continuare la propria carriera con la squadra inglese. Durante questo fine settimana, Zak Brown ha parlato del futuro del pilota spagnolo, affermando: “Saremo felici di continuare con Fernando Alonso, che ama la squadra. Dobbiamo dimostrare che l’anno prossimo saremo competitivi, ne parleremo dopo l’estate. Se saremo competitivi rimarrà, altrimenti se ne andrà. Abbiamo un bellissimo rapporto, però ci occorre sapere se, saremo in grado di essere competitivi, per ottenere sponsor e per far rimanere Fernando Alonso”.

Uno dei grandi problemi del team inglese è la mancanza di competitività, a causa dei motori Honda e questo è qualcosa che si deve assolutamente risolvere, se la McLaren vuole che il pilota spagnolo rinnovi il suo contratto con loro. Nel frattempo, Zak Brown ha affermato che sta lavorando per trovare nuovi sponsor, perché la McLaren ne ha bisogno. Infatti a riguardo ha dichiarato: “Ho iniziato a lavorare in McLaren a dicembre, quindi non avevo aspettative per il 2017, da subito ho pensato al 2018. Ho ricevuto molte offerte interessanti, e forse non pensare alle prestazioni, aiuta ad ottenere sponsor. E’ essenziale avere uno sponsor principale ed in questo momento è 50/50 per il prossimo anno”.

Il problema principale però rimane sempre la power unit, perciò se la McLaren vuole un motore competitivo per la prossima stagione, deve iniziare a considerare che futuro può avere con la Honda. Il produttore giapponese sembra aver fatto un piccolo passo in avanti, ma ancora non è abbastanza. Il direttore della McLaren a riguardo ha dichiarato: “Abbiamo visto una buona reazione da Honda. Sono notevolmente migliorati rispetto ai test, ed hanno dimostrato entusiasmo e tenacia per migliorare, anche se i risultati non dicono la stessa cosa. La nostra idea di futuro non è cambiata nelle ultime settimane. Troviamo buoni progressi in ogni gara. Questo fine settimana abbiamo fatto un piccolo passo avanti, anche se i miglioramenti dovevano essere già arrivati in Canada”.

D’altra parte la McLaren ha voluto discutere con potenziali nuovi fornitori che potrebbero entrare in Formula 1 e questo potrebbe rendere la programmazione attuale più estesa, con l’aggiunta di altri Gran Premi in Asia o negli Stati Uniti. Zak Brown ha dichiarato di essere interessato al futuro della McLaren ed assicura che il piano del team è quello di sacrificarsi a breve termine, per un guadagno a lungo termine. Per quanto riguarda il bilancio, il direttore della McLaren dice che le squadre non dovrebbero avere la stessa quantità di denaro, infatti ha dichiarato : “Non credo che tutti dovremmo avere lo stesso budget, ma la situazione economica è molto sbilanciata qui. Questo è un momento, in cui credo che dovremmo lavorare insieme per il bene di questo sport”.

Zak Brown è felice della gestione effettuata da Liberty Media e si trova d’accordo con l’idea del gruppo americano, per far sì che più persone si avvicino alla Formula 1, anche se ritiene che ci sono ancora cose, che Liberty Media dovrebbe imparare da altre categorie come la NASCAR. Questa categoria, infatti possiede molti dei circuiti su cui gareggia, perciò Zak Brown pensa che Liberty Media dovrebbe prendere spunto da questo, per il circuito di Silverstone. A riguardo ha affermato: “La NASCAR possiede quasi tutti i circuiti in cui gareggia. Sono assolutamente convinto che Liberty Media dovrebbe comprare il circuito di Silverstone, magari mettendo dei test pre-stagionali lì. E’ molto facile per me dirlo questo è vero, però penso che si dovrebbe comprare, perché è il luogo dove è nata la Formula 1”.

Scritto da: Sabrina Aceto

Sabrina Aceto

Mi chiamo Sabrina ho 25 anni e sono milanista sfegatata da quando sono nata. Quando meno me l’aspettavo, la Formula 1 mi ha stravolto la vita e grazie a Fernando Alonso e ad Ayrton Senna mi sono innamorata di questo magico sport. Avere due miti come loro è un vero onore ed essere Alonsista è pura magia! Il mio tifare per il pilota, agli occhi di molti mi rende una tifosa atipica, ma come dice il mio cantante preferito Nesli “Cosa diranno non importa, non conta più, perché alla fine ciò che resta sei solo TU!” Ed è vero, ciò che conta veramente sono le emozioni ed i valori che una persona riesce a trasmetterci, ciò che dicono gli altri non ha importanza.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.