Formula 1 | La partenza a razzo di Bottas in Austria: jump start oppure no?

Riguardo al superlativo start di Valtteri Bottas nello scorso GP d’Austria, Vettel ha sostenuto che il finlandese ha effettuato un jump start, mentre la FIA ha smentito questa argomentazione

Se nel precedente GP d’Azerbaijan ha fatto altamente discutere il contatto tra Sebastian Vettel e Lewis Hamilton, appassionati e addetti ai lavori ricorderanno lo scorso appuntamento del Red Bull Ring austriaco per la sensazionale partenza al palo di Valtteri Bottas.

Perfetta, forse fin troppo: così ha pensato il tedesco della Ferrari, il quale ha sostenuto anche nella conferenza stampa post-GP che la Mercedes numero 77 è stata protagonista di un “jump start”.
Secondo me ha anticipato la partenza – queste le parole di Seb – È quello che penso, ne sono sicuro perchè l’ho visto dall’abitacolo della mia Ferrari. Non sarò io però a poterlo giudicare”.

E infatti chi l’ha posto sotto esame è stata proprio la FIA, la quale, però, ha espresso un verdetto differente: quel piccolo movimento, dovuto alla regolazione della frizione, prima dello spegnimento dei semafori rossi c’è stato, ma non è stato sufficiente ad attivare i sensori elettronici nell’asfalto che determinano la partenza anticipata di una monoposto in griglia.

La Federazione, dopo un’attenta analisi, ha sostenuto che i tempi di reazione di Bottas allo start sono stati di 0.201 secondi, una prestazione sensazionale che gli ha permesso di vincere il GP d’Austria praticamente in partenza.
Vettel, quindi, ha avuto ragione: purtroppo per lui, però, il movimento di Valtteri allo spegnimento dei semafori non è stato così evidente da attivare il sensore di controllo al fine di penalizzarlo con il tanto conclamato “jump start”. Caso chiuso.

Scritto da: Giulio Scrinzi

Giulio Scrinzi

Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore.
La Formula 1 rappresenta per me un’opportunità come giornalista ma anche il sogno di una vita: diventare un pilota. I miei miti? Michael Schumacher e Ayrton Senna. Il mio motto? “Keep fighting”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.