Dichiarazioni dei PilotiFormula 1 2017Gran Premio UngheriaMercedes AMG PetronasValtteri Bottas

Formula 1 | GP Ungheria 2017, Valtteri Bottas: “Devo ringraziare Hamilton”

Valtteri Bottas ha salvato il terzo posto dopo una gara incolore grazie al fair play di Lewis Hamilton, che all’ultima curva ha ricambiato il favore del finlandese restituendogli la posizione. Bottas aveva in precedenza ceduto il terzo posto ad Hamilton per agevolarlo nella rincorsa alle Ferrari, ma siccome gli attacchi dell’inglese non hanno funzionato, all’ultimo giro la Mercedes ha ristabilito le posizioni precedenti, a favore della seconda guida.

Bottas ha così guadagnato tre punti che lo mantengono in lotta per il campionato (è a -33 da Vettel e -19 da Hamilton), ma è chiaro che è l’inglese la carta su cui la Mercedes deve puntare nella lotta al titolo. Valtteri si è rivelato una volta di più un ottimo scudiero, in un mondiale in cui il ruolo delle seconde guide risulta determinante (come ha dimostrato il ligio Raikkonen, che ha scortato Vettel per 70 giri).

“Ridarmi la posizione poteva essere un problema per Lewis – ha commentato Bottas – perché c’era traffico e avevo Verstappen alle calcagna. Stavo iniziando a preoccuparmi, visto che il passo non era più così veloce e da dietro si stavano avvicinando. Devo ringraziare Lewis per avermi restituito la posizione, dopo che io gli avevo dato via libera per inseguire le Ferrari”.

“Il nostro passo non era così male, ma partire dalla seconda fila ci ha compromesso la corsa ha concluso il finlandese.

 

 

Topics
Continua la lettura

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Aspetta! C'è dell'altro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *