Formula 1 | GP Ungheria 2017, Max Verstappen: “Chiederò scusa a Daniel e calmerò la situazione”

Autore di un contatto in curva 2 dove ha messo fuori gioco Ricciardo, Max Verstappen ha affermato che parlerà con l’australiano per risolvere pacificamente la questione

No, non è questo che volevo!”, questa è stata la risposta di Max Verstappen quando gli è stato chiesto di commentare il contatto in curva 2 dove ha toccato la RB13 di Daniel Ricciardo mettendolo definitivamente fuori gioco.
L’olandese della Red Bull ha patito in partenza un Valtteri Bottas che lo ha costretto ad allargare troppo la traiettoria, andando poi al bloccaggio della gomma anteriore destra con la quale ha sfondato il radiatore della monoposto dell’australiano.

A causa di questo incidente Max ha sì continuato la sua corsa, ma la FIA gli ha comminato una penalità di 10 secondi in pit-lane. Al termine della gara, però, è riuscito ad avvicinarsi molto a Valtteri Bottas, chiudendo in un convincente quinto posto sotto la bandiera a scacchi. La Federazione, però, non convinta del grado di penalizzazione inflitta alla RB13 numero 33, ha poi decurtato 2 punti sulla super licenza di Max, che ora si trova a quota 3.

Tutto è cominciato alla prima curva: in partenza sono riuscito a contenere Bottas, ma poi le sue linee mi hanno costretto ad allargare la mia traiettoria in curva 2 facendomi perdere molta velocità – ha proseguito Verstappen ai microfoni dei giornalisti – Entrambi stavamo lottando e abbiamo frenato molto tardi: ho tentato di andare all’interno ma sono arrivato al bloccaggio e sfortunatamente ho centrato Daniel nel punto più delicato della sua monoposto”.

Ricciardo ha giudicato il suo compagno di squadra come “un dilettante che non sa perdere”, e questo commento non può far altro che male al giovane pilota della Red Bull: “Non è una bella situazione, mi scuserò con lui e con tutto il team perchè avremmo potuto portare a casa molti punti. Ho un bel rapporto con Daniel, perciò gli parlerò in privato e risolveremo la situazione”.

Scritto da: Giulio Scrinzi

Giulio Scrinzi
Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore. La Formula 1 rappresenta per me un'opportunità come giornalista ma anche il sogno di una vita: diventare un pilota. I miei miti? Michael Schumacher e Ayrton Senna. Il mio motto? "Keep fighting".

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.