Formula 1 | GP Ungheria 2017, Fernando Alonso: “Con l’Halo avremmo potuto salvare le vite di tanti colleghi”

Fernando Alonso ha preso parte alla consueta conferenza stampa del giovedì, in cui ha trattato vari argomenti: “l’Halo, questo GP, il suo futuro e la Formula E”

L’introduzione dell’Halo dal 2018 è ancora argomento di discussione, nonostante tale introduzione è stata ufficializzata la scorsa settimana. Nella consueta conferenza stampa del giovedì è stato chiesto un parere ai piloti presenti e tra quelli favorevoli vi sono Sebastian Vettel e Fernando Alonso.

Il pilota spagnolo si è trovato d’accordo con il parere espresso dal ferrarista ed ha affermato: “Mi trovo d’accordo con quanto ha affermato Sebastian, in quanto l’Halo aumenta la protezione e la sicurezza si sa, deve venire prima di tutto. Pensate alla Formula 1 e agli incidenti del passato, con l’Halo magari avremmo potuto salvare le vite di tanti colleghi. Che ne penso dell’impatto che può avere sull’estetica delle monoposto? Durante la mia carriera le vetture sono cambiate parecchio. Abbiamo visto scalini, musi strani, la Formula 1 cambia continuamente. Sono contento ogni qual volta viene introdotto un sistema per migliorare la sicurezza”.

Fernando Alonso ci tiene a placare lo scetticismo che c’è per quest’introduzione, dicendo che lui sarebbe stato più tranquillo con l’Halo, in quel bruttissimo incidente avvenuto durante il Gran Premio dell’ Australia nel 2016. Infatti a riguardo ha affermato: “Con l’Halo sarei stato più tranquillo ed avrei sicuramente avuto meno paura di farmi male in quello scontro. L’Halo non avrebbe certamente condizionato l’uscita dall’abitacolo”.

Per quel che riguarda il Gran Premio d’Ungheria, lo spagnolo è consapevole che questo tracciato è favorevole per la sua McLaren e si sente competitivo, infatti ha dichiarato: “Mi sento davvero competitivo qui, perciò cercherò di arrivare in Q3 e ad andare a punti. Per poter aspirare di ottenere un risultato migliore di un settimo o ottavo posto, so che deve esserci qualche colpo di scena ed accadere qualcosa davanti a noi. A Monte Carlo non ho disputato il Gran Premio per disputare l’Indycar, perciò qui in Ungheria, mi gioco una grande opportunità per la conformazione della pista”.

Fernando Alonso non si sbilancia sul futuro, nonostante le ripetute domande che gli vengono poste a riguardo ed ha affermato: “Non è ancora cambiato nulla. I miei pensieri sono sempre i medesimi. Con la McLaren abbiamo spesso parlato del futuro, ma al momento nulla è cambiato”.

Durante la conferenza stampa si è anche chiesto un parere sulla Formula E, visto l’imminente entrata della Mercedes in questa categoria. Fernando Alonso ha espresso il suo pensiero, dicendo: “Non ho mai visto le vetture di tale categoria e non mi sono mai interessato dettagliatamente ad essa, perciò è difficile avere un parere netto. Ma una cosa è certa, ho grande rispetto per tutte le categorie esterne alla Formula 1, che disputano le gare nelle città più affascinanti del globo. Magari un giorno mi interesserò e m’informerò maggiormente, in quanto è un qualcosa di veramente interessante per tutti i costruttori”.

Scritto da: Sabrina Aceto

Sabrina Aceto
Mi chiamo Sabrina ho 25 anni e sono milanista sfegatata da quando sono nata. Quando meno me l'aspettavo, la Formula 1 mi ha stravolto la vita e grazie a Fernando Alonso e ad Ayrton Senna mi sono innamorata di questo magico sport. Avere due miti come loro è un vero onore ed essere Alonsista è pura magia! Il mio tifare per il pilota, agli occhi di molti mi rende una tifosa atipica, ma come dice il mio cantante preferito Nesli “Cosa diranno non importa, non conta più, perché alla fine ciò che resta sei solo TU!” Ed è vero, ciò che conta veramente sono le emozioni ed i valori che una persona riesce a trasmetterci, ciò che dicono gli altri non ha importanza.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.