Formula 1 | GP Gran Bretagna 2017, Lewis Hamilton: “Pole perfetta, dovevo rifarmi dopo l’Austria!”

Autore della 67esima pole di carriera e del nuovo record della pista inglese, Lewis Hamilton ha affermato che voleva riscattarsi dopo la brutta prestazione in Austria

Ancora un passo e Lewis Hamilton pareggerà lo stesso numero di pole position della leggenda della Formula 1, quel Michael Schumacher ancora primo nella Hall of Fame per le sue 68 partenze dalla prima casella. Il britannico della Mercedes, a Silvestone, ha centrato la sua 67esima, oltre al nuovo record della pista, affermando in conferenza stampa che ha dato il massimo per riscattare se stesso e i suoi tifosi per la brutta prestazione dello scorso appuntamento sul Red Bull Ring austriaco.

Mi sono riservato il meglio per l’ultimo giro in Q3 – ha dichiarato Hamilton nella press conference – Grazie al sostegno dei miei tifosi dovevo riuscirci, e soprattutto dovevo riscattarmi per l’ultimo weekend in Austria. Li ringrazio di cuore per il tifo che mi hanno dato, spero siano stati contenti di questa pole position!”.

Le condizioni di oggi sono quelle tipiche dell’Inghilterra, dove sono cresciuto e dove mi sono sempre trovato a mio agio – ha proseguito il britannico della Mercedes – Il team ha fatto un lavoro fantastico e quando la pista ha iniziato ad asciugare le gomme hanno funzionato alla perfezione. La velocità in curva era elevatissima!”.

Per il momento le mie sensazioni sono ottime e la pole position è la posizione migliore dalla quale scattare domani in griglia. Sono consapevole, tuttavia, che dovrò fare di tutto per tenere a bada chi mi starà alle spalle. Per quanto riguarda Grosjean… Quando l’ho visto ho accelerato per togliermi di mezzo. Non avevo intenzione di bloccarlo e rovinargli il giro, perciò gli chiederò scusa e risolverò la situazione”.

Scritto da: Giulio Scrinzi

Giulio Scrinzi
Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore. La Formula 1 rappresenta per me un'opportunità come giornalista ma anche il sogno di potermi sentire un pilota, anche solo per una volta nella vita. Perchè Ayrton Senna diceva: "Una persona che non ha più sogni non ha più alcuna ragione di vivere".

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.