Formula 1 | GP Austria 2017, Sebastian Vettel: “Il caso Baku? Ho sbagliato, ora guardiamo avanti”

Nella tradizionale conferenza stampa del giovedì austriaco Sebastian Vettel è tornato a parlare del caso Baku, riproponendo di nuovo le sue scuse sull’accaduto

Sono passate ormai due settimane, ma il Caso Baku fa ancora discutere. A riproporlo è stato proprio il suo artefice, quel Sebastian Vettel che ha voluto incentrare il discorso della tradizionale conferenza stampa del giovedì austriaco proprio su ciò che è accaduto in Azerbaijan.
Sostanzialmente, il pilota della Ferrari non ha fatto altro che sottolineare le sue scuse di fronte a Lewis Hamilton, ammettendo che ha sbagliato ma anche che è tempo, ormai, di andare avanti.

Cosa devo dire su ciò che è successo a Baku? Ho sbagliato, mi sono scusato ma ora è il momento di guardare avanti – queste le prime parole di Seb nella press conference – Ho riguardato le immagini e devo ammettere che dalla mia macchina ho avuto una prospettiva differente di ciò che è successo: all’inizio ho pensato che Lewis avesse fatto un “brake test”, cosa che invece non ha fatto. La mia reazione è stata veramente eccessiva…”.

Tuttavia, ho parlato con lui subito dopo l’accaduto e sono contento che quanto accaduto non ha compromesso il nostro rapporto – ha continuato il ferrarista – Il nostro rispetto reciproco è rimasto intatto e entrambi siamo abbastanza maturi per guardare avanti”.

Scritto da: Giulio Scrinzi

Giulio Scrinzi
Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore. La Formula 1 rappresenta per me un'opportunità come giornalista ma anche il sogno di una vita: diventare un pilota. I miei miti? Michael Schumacher e Ayrton Senna. Il mio motto? "Keep fighting".

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.