Formula 1 | Nuovo fondo sulla RS17 di Palmer in Ungheria: l’obiettivo è farlo andare a punti

Il britannico è sotto pressione dopo la prima parte di stagione, con la minaccia di vedersi sostituito da Kubica se deluderà ancora

Il confronto Hulkenberg-Palmer è a dir poco imbarazzante: la classifica dice che il tedesco è a quota 26 lunghezze, il britannico invece è a secco. E ora il GP d’Ungheria per l’ex campione della GP2 rischia di diventare l’ultima spiaggia. Se deluderà anche lì, Palmer rischia grosso, visto che sulla RS17, nei test post gara in programma sempre all’Hungaroring, salirà lo scalpitante Robert Kubica, tornato in gran forma e convinto più che mai dei propri mezzi.

Inutile dire che la Renault aspetta un brillante test del polacco per poi valutare seriamente se affidargli il sedile del deludente Palmer a partire dal Belgio. Dunque l’Ungheria sarà la tappa cruciale nel cammino del britannico, a cui però la Renault continua a riporre fiducia: questo fine settimana, non a caso, anche Jolyon potrà disporre delle novità sulla vettura di cui ha beneficiato Hulkenberg a Silverstone.

Si tratta di modifiche sul telaio e sul fondo vettura, apprezzate particolarmente da Hulkenberg nell’ultima gara, dove ha conquistato un prezioso sesto posto. “Il nuovo fondo vettura l’ho già provato nelle FP1 in Ungheria – ha detto Palmer – e ho potuto constatare quanto bene funzioni. Lo ha dimostrato anche Nico. Sono contento di poterlo usare questo fine settimana in Ungheria.

L’impressione è che Palmer non abbia scelta, perché la Renault si aspetta un suo ingresso in zona punti, problemi di affidabilità permettendo. Vogliamo essere sesti nel costruttori per fine luglio – ha dichiarato Cyril Abitebouled è necessario che entrambe le macchine finiscano a punti. Abbiamo problemi con l’affidabilità, ma dall’altro lato le novità portate a Silverstone sul telaio e fondo vettura hanno sortito l’effetto sperato”.

L’impressione è che questo fine settimana, oltre ai test post-gara, in casa Renault diventerà cruciale per pianificare il prossimo futuro.

Scritto da: Luca De Franceschi

Luca De Franceschi
Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.