Formula 1 | GP Azerbaijan 2017, Valtteri Bottas: “So quando Mercedes deciderà il mio futuro

Valtteri Bottas nella conferenza stampa del giovedì pre-Baku ha parlato delle caratteristiche del circuito azero e del suo futuro in Mercedes

Dopo la seconda posizione in Canada ora Valtteri Bottas ha solo un obiettivo: vincere. Dopo la prima vittoria in carriera in Russia, il finlandese ha ottenuto un solo podio nelle successive tre gare e punta a riscattarsi in terra azera.

Come a Sochi anche in Azerbaijan Bottas sembra trovarsi particolarmente a suo agio. Lo scorso anno, alla prima edizione, aveva annichilito il compagno Felipe Massa ed era stato tra i più veloci ad adattarsi al singolare circuito, ex Gran Premio d’Europa.

“Dopo un secondo posto ora il mio obiettivo è la vittoria” – ha esordito il finlandese – “Chiudere in questa posizione (seconda ndr.) lo scorso anno l’avrei celebrata come un successo ma adesso è diverso. In Canada è stato un ottimo risultato per il team ma quando chiudi dietro al compagno non sei mai felice del tutto”.

L’ex Williams ha commentato le chance della sua vettura su questo tracciato: “Abbiamo visto che la lotta è estremamente serrata tra noi e Ferrari. E’ veramente difficile fare previsioni su un tracciato del genere, in parte simile a Monza, in parte simile a Montecarlo. Penso che saremo vicini anche se questo dipenderà dal riuscire o meno a far funzionare le gomme con il giusto setup.

Gomme tema sempre caldo in casa Mercedes: a Baku la Pirelli non ha portato la tanto temuta gomma ultrasoft che non ha fatto passare notti tranquille in quel di Brackley, questo il commento di Bottas: “Non credo che ci aiuteranno, sono uguali per tutti, saremo noi a doverle far funzionare nel giusto range, dipenderà molto dall’assetto.”

Infine una chiosa sul suo futuro: al finlandese il contratto scade al termine della stagione anche se Mercedes ha l’opzione di prolungarlo per un’altra stagione: “Sono tranquillo, non è il primo anno che vivo questo in Formula 1, visto che è quello che ho passato ogni anno. Per me è una cosa normale. So che c’è un piano e so quando risolveranno il tutto, è una questione interna, io voglio restare e farò di tutto perché questo accada.”

Scritto da: Samuele Fassino

Samuele Fassino
Mi chiamo Samuele, ho 19 anni. Sono un grande appassionato di motori, specie di Formula 1 nella quale spero di lavorare un giorno. Oltre ai motori le mie passioni si estendono al calcio ed alla filosofia anche se, più in generale, mi piace tenermi informato su qualsiasi tema. Sono molto determinato e cerco sempre ottenere il massimo da ogni situazione.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.