Formula 1 | Sébastien Buemi nei test del Paul Ricard con la Red Bull RB13

Il terzo pilota della Red Bull, Sébastien Buemi, tornerà al volante della RB13 nei test programmati per fine mese sul circuito francese del Paul Ricard

Formula 1 | Sébastien Buemi nei test del Paul Ricard con la Red Bull RB13

Anche se al momento è molto impegnato con la nuova categoria del Circus iridato, la Formula E, Sébastien Buemi sembra che tornerà presto al volante di una monoposto della classe regina.
Lo svizzero di origini italiane, in passato titolare della Toro Rosso, oggi è infatti il terzo pilota/collaudatore della Red Bull, un ruolo che tornerà a vestire nella due giorni di test programmata per il 29-30 giugno sul circuito francese del Paul Ricard.

Si tratta di alcune prove organizzate dalla Pirelli, nelle quali Buemi sarà chiamato a portare in pista la RB13, affidata regolarmente nelle mani dei due titolari Max Verstappen e Daniel Ricciardo.
Questi test non saranno importanti solamente per il team di Milton Keynes e per la Pirelli, ma anche per me – ha affermato Sébastien – Era l’opportunità che stavo aspettando per provare, finalmente, la monoposto 2017 su un circuito vero, e non unicamente al simulatore”.

Che lo svizzero stia facendo un pensierino per un ritorno, a breve, nella massima serie iridata?
Sì, mi piacerebbe in futuro tornare a essere un pilota di Formula 1 – ha ammesso Buemi – Per il momento, però, non posso lamentarmi: l’anno scorso ho vinto il Mondiale di Formula E con il team Renault E.dams, un Titolo che sto difendendo con le unghie quest’anno. In più sono impegnato nel WEC con la Toyota, per cui posso dire che mi sto tenendo in un buon livello di allenamento. Certo che… sarebbe bello tornare a guidare per un team dove non ho ancora alcuna esperienza in F1!”.

Autore

Giulio Scrinzi

Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore. La Formula 1 rappresenta per me un'opportunità come giornalista ma anche il sogno di potermi sentire un pilota, anche solo per una volta nella vita. Perchè Ayrton Senna diceva: "Una persona che non ha più sogni non ha più alcuna ragione di vivere".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *