Formula 1 | Jean Alesi: “Ferrari non favorisce Sebastian Vettel”

5 giorni dopo il Gp Monaco, Alesi difende l’azione della Ferrari rea di aver favorito Vettel a discapito di Raikkonen

Sono già passati appena cinque giorni dal Gp Monaco, il cui esito ha creato un mix di sensazioni, felicità, ma anche delusione, rabbia.
La Ferrari, con Sebastian Vettel ha conquistato una nuova vittoria in questo campionato, con una bella doppietta, grazie al secondo posto di Kimi Raikkonen, partito dalla pole position.

E proprio l’esito finale, ha destato parecchie discussioni, critiche. Secondo molti, la Ferrari ha di sproposito voluto avvantaggiare Sebastian Vettel, attualmente leader della classifica iridata, con la strategia del pit stop, considerato da molti quindi uno stratagemma affinché Raikkonen perdesse la prima posizione, per finire dietro al compagno di squadra.

Al termine del Gp Monaco, Maurizio Arrivabene ha risposto a tali dubbi ovviamente negando e spiegando così: “Kimi guida non solo per la Ferrari, anche se lui vuole vincere le gare. Entrambi i piloti sono favolosi, perciò torno a ribadire che la Ferrari non dà ordini di squadra”.

A difendere l’operato della Ferrari, ci ha pensato un ex pilota della Scuderia Italiana, ovvero Jean Alesi. Il francese che negli anni ’90 ha vestito la tuta Rossa, ha voluto dire la sua sulla questione: “Posso capire la delusione di Kimi. D’altronde ha avuto un fantastico weekend. Ma Vettel ha vinto con una vittoria chiara, limpida, pulita. Mi ricorda un po’ la finale del Roland-Garros: quando uno vince, l’altro è sempre infelice. Ma tutto è stato maturato e deciso in pista. Il team non ha fatto nulla per favorire un pilota, così non ho altro da aggiungere”. 

Oltre a Jean Alesi, anche Alain Prost, anche lui ex pilota della Ferrari, ha voluto commentare la situazione: “Non sappiamo come la Ferrari si sarebbe comportata a Monaco, specialmente, paragonando con la Mercedes e il suo passo lungo ma guardando la Red Bull che si è comportata bene. Quindi, posso rispondere che la Ferrari va bene ovunque. Hanno un ottimo telaio e due ottimi piloti. Entrambi i piloti sono capaci di essere avanti, anche Kimi Raikkonen, quindi non credo che ci sia un pilota numero 1 nel team. Vorrei dire soltanto che Sebastian Vettel è sempre un gradino sopra, essendo sempre molto costante. Sarà difficile batterlo”.

Scritto da: Giorgia Meneghetti

Giorgia Meneghetti
Mi chiamo Giorgia, 30 anni, residente a Fermo nelle Marche. Appassionata di cavalli, e di Formula 1 fin dal 1998 quando correva il mitico nonché mio idolo Michael Schumacher con la Ferrari, di cui sono tifosa sfegatata. Un'altra mia passione si chiama Fernando Alonso, un pilota che apprezzo molto, che sogno di poter incontrare un giorno.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.