Formula 1 | GP Canada 2017, Valtteri Bottas: “Lewis non era imbattibile, ma ho avuto qualche problema”

Autore di un ottimo secondo posto, Valtteri Bottas ha contribuito alla prima doppietta Mercedes ma ha affermato che Hamilton non era così imbattibile come ha dato a vedere

Formula 1 | GP Canada 2017, Valtteri Bottas: “Lewis non era imbattibile, ma ho avuto qualche problema”

Il GP del Canada di Valtteri Bottas: partito dalla terza casella in griglia, ha subito avuto la meglio su Sebastian Vettel ma ha avuto qualche problema di troppo nel sorpassare un Max Verstappen in palla capace di uno start stupefacente che lo ha portato immediatamente dalla quinta alle seconda posizione. Dietro all’olandese il finnico della Mercedes ha surriscaldato presto i freni, mentre dopo il pit-stop ha trovato in Esteban Ocon un avversario molto difficile da battere.

In questo modo la sua rimonta su Lewis Hamilton è stata vanificata, ma a detta del finlandese non era un’impresa così impossibile: “Lewis oggi non era imbattibile – ha esordito Bottas in conferenza stampa – Tuttavia, dopo la partenza, mi sono trovato davanti la Red Bull di Verstappen e ho surriscaldato i freni, mentre dietro ad Ocon ho perso ancora tanto tempo”.

Poi, dal muretto abbiamo scelto di diversificare le strategie – ha continuato Valtteri – A Lewis sono state montate le Supersoft, mentre io ho deciso per le Soft a banda gialla, che però non si sono dimostrate così competitive come quelle più morbide colorate di rosso. Non c’è stata una vera e propria gara con Hamilton, ma ad ogni modo sono contento di aver contribuito a firmare la prima doppietta dell’anno per la Mercedes”.

Autore

Giulio Scrinzi

Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore. La Formula 1 rappresenta per me un'opportunità come giornalista ma anche il sogno di potermi sentire un pilota, anche solo per una volta nella vita. Perchè Ayrton Senna diceva: "Una persona che non ha più sogni non ha più alcuna ragione di vivere".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *