Formula 1 | GP Canada 2017, prove libere 1: Lewis Hamilton e la Mercedes subito al top

Nella prima sessione di prove libere in Canada Lewis Hamilton si è imposto subito con la sua Mercedes, precedendo Vettel, l’altra W08 di Bottas e Raikkonen

Ogni anno sempre la stessa storia: nella prima sessione di prove libere il circuito di Montreal, in Canada, si è presentato “green”, ovvero particolarmente scivoloso e ancora da gommare.
Una condizione che ha portato in testacoda diversi piloti, tra i quali entrambi i ferraristi: per la precisione Raikkonen si è reso protagonista di uno spin alla curva 7, mentre Vettel alla numero 2, nonostante montasse la mescola più morbida che garantisce il miglior grip.

Ma a parte questo, il primo turno di libere ha visto da subito sulla pista canadese un’aspra lotta in casa tra le due Mercedes e tra le due Ferrari, culminata in una sfida finale marca contro marca.
Hamilton e Bottas, verso il termine della sessione, hanno dato vita a un’interessante battaglia a suon di giri veloci, così come tra Vettel e Raikkonen: il primo, però, alla fine, è riuscito a rovinare le danze alle due Stelle d’Argento, a dimostrazione che la Rossa di Maranello ha tutte le carte in regola per insidiare la supremazia della W08 tedesca.

Eh sì, perchè la prima posizione di queste FP1 è andata a una Mercedes, quella di un Lewis Hamilton abile a firmare un interessante 1’13”809 con il quale ha tentato di far capire a tutti da subito… chi è che comanda. Appunto, ha tentato, perchè a nemmeno due decimi, ecco la SF70H del suo rivale di stagione, un Sebastian Vettel che per soli 7 millesimi non è riuscito a infrangere anche lui il muro dell’1’14”.

La seconda fila virtuale ha replicato di pari passo la prima, con un Valtteri Bottas (+0.237) in grado di precedere il pole man di Montecarlo, Kimi Raikkonen (+0.421).
Quinta e sesta posizione, invece, per due piloti che stanno diventando sempre più una certezza: stiamo parlando dei due titolari della Force India, con Sergio Perez (+0.769) davanti al giovane Esteban Ocon (+0.976) ma soprattutto alla prima delle Red Bull di Max Verstappen (+1.052), scalzato dalla terza fila e costretto ad accontentarsi, per ora, della settima piazza.

Ottavo tempo per la prima delle Williams di Felipe Massa (+1.297), che si è messo dietro la seconda RB13 di Daniel Ricciardo (+1.632) e la Toro Rosso di Daniil Kvyat (+1.849), altra costante presenza nella top ten.

Fuori dai primi dieci la prima McLaren di Stoffel Vandoorne, 11esimo a precedere la HAAS di Kevin Magnussen e l’idolo di casa Lance Stroll. Quattordicesimo crono per la seconda VF-17 di Romain Grosjean, capace di mettersi dietro la prima delle Renault di Nico Hulkenberg e la seconda MCL32 di Fernando Alonso. Il ritorno dello spagnolo sulla monoposto di Woking non è stato di certo positivo, dal momento che a soli 15 minuti dal termine del turno è stato costretto a fermarsi nei pressi del tornantino Epingle per il cedimento del cambio.

Diciassettesima posizione per la Sauber di Marcus Ericsson, davanti alla seconda RS17 di Jolyon Palmer e all’altra C36 di Pascal Wehrlein. Senza tempo, invece, la seconda STR12 di Carlos Sainz Jr, costretto al ritiro dopo soli due giri per la rottura prematura della power unit Renault.

Scritto da: Giulio Scrinzi

Giulio Scrinzi
Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore. La Formula 1 rappresenta per me un'opportunità come giornalista ma anche il sogno di potermi sentire un pilota, anche solo per una volta nella vita. Perchè Ayrton Senna diceva: "Una persona che non ha più sogni non ha più alcuna ragione di vivere".

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.