Formula 1 | GP Canada 2017, Lewis Hamilton: “Eguagliare il record di Senna è un onore incredibile”

Oggi Lewis Hamilton, in Canada, non ha solo demolito il precedente record di Montreal, ma ha anche avuto il privilegio di eguagliare il record di pole position di Senna

Formula 1 | GP Canada 2017, Lewis Hamilton: “Eguagliare il record di Senna è un onore incredibile”

Mancava poco, pochissimo a raggiungere l’importante traguardo delle 65 pole position in carriera, e finalmente quel giorno che Lewis Hamilton stava aspettando da tanto tempo, oggi, è finalmente arrivato.

Grazie a un fenomenale giro nel quale ha fermato il cronometro sull’1’11”459, nuovo record del circuito di Montreal, Hammer ha così eguagliato lo stesso numero di partenze dalla prima casella del suo mito, Ayrton Senna.

Un giorno fantastico, nel quale il Campione britannico ha voluto ringraziare parecchie persone: “Nelle ultime settimane io e il mio team abbiamo lavorato molto per cercare di sistemare i problemi della nostra Mercedes: alla fine i miei ragazzi ci sono riusciti, e questa pole position la devo a loro!”.

Ero consapevole che queste qualifiche sarebbero state parecchio combattute – ha continuato il britannico della Mercedes – Credevo che le Ferrari avrebbero potuto trarre vantaggio da alcuni nuovi miglioramenti sulla loro vettura, ma poi, invece, sono stato io ad avere la meglio. Far funzionare le ultrasoft fin dal primo giro è stato difficile, ma in ultimo sono riuscito a mettere in pratica tutto quello che ho imparato fino ad oggi”.

Volevo conquistare la mia 65esima pole position proprio qui, a Montreal, perchè rappresenta un posto molto speciale – ha sottolineato successivamente Hamilton – Inoltre, sono riuscito ad eguagliare lo stesso numero di partenze dalla prima casella del mio beniamino, Ayrton Senna. Voglio ringraziare la sua famiglia per il regalo che mi è stato fatto: è il casco che utilizzava in gara, ed è un onore incredibile poter avere qualcosa che gli apparteneva”.

Autore

Giulio Scrinzi

Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore. La Formula 1 rappresenta per me un'opportunità come giornalista ma anche il sogno di potermi sentire un pilota, anche solo per una volta nella vita. Perchè Ayrton Senna diceva: "Una persona che non ha più sogni non ha più alcuna ragione di vivere".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *