formula1-2017-gp-azerbaijan-sebastian-vettel-gara

Formula 1 | GP Azerbaijan 2017, Sebastian Vettel: “Manovra pericoloso, io punito e lui no”

Sebastian Vettel punta il dito contro la condotta di gara di Hamilton dietro la Safety Car, che ha portato il tedesco prima a tamponarlo e poi a dare al rivale una sportellata.

Al termine del Gran Premio d’Azerbaijan il volto di Sebastian Vettel è tutto un programma. Il tedesco della Ferrari ha chiuso in quarta posizione, ma avrebbe potuto portare a casa un altro successo senza un duello troppo ravvicinato avvenuto sotto regime di Safety Car.

“Innanzitutto la macchina oggi era molto buona e il nostro passo altrettanto competitivo. Credo si sia potuto vedere. Perdiamo in rettilineo, ma nel complesso penso proprio che sia stata una bella gara”, Sebastian Vettel ha iniziato a raccontare la corsa, definendo “aggressivo” l’avvio di gara di Valtteri Bottas. Non a caso il finnico, dopo aver affrontato un cordolo in maniera veemente, è stato autore della manovra successiva che ha mandato a muro Raikkonen dopo poche curve dal via, rovinandogli la corsa.

Uno start impegnativo. Valtteri Bottas è partito molto aggressivo. Ha frenato presto ma poi è stato molto aggressivo nei confronti di Kimi. Si sono presi, ma poi non so cosa sia successo. Credo che poi sia stata una gara lineare. Hanno deciso di chiamare in pista la safety car e ho cercato di stare molto vicino a Hamilton”.

Proprio in quel momento è avvenuto il fatto chiave della gara. Dietro alla Safety Car Hamilton ha rallentato molto in uscita di curva e Vettel lo ha tamponato. Poi il tedesco ha affiancato Lewis e la Rossa numero 5 ha urtato la Mercedes del leader della corsa. Vettel ha spiegato così l’accaduto: “Hamilton ha frenato un paio di volte, anche in Cina un paio di anni fa è accaduta una cosa simile. Il problema è che se facevo fatica a stargli dietro io che ero secondo, immaginate a quelli che erano dietro di me.Non si fa così semplicemente. E non so perché io abbia preso la penalità. Ma è successo. E’ davvero un gran peccato perché il nostro risultato avrebbe potuto essere migliore. Sinceramente non ho capito perché io ho preso una penalità e lui no. Quindi si sono arrabbiato”.

Vettel ha concluso poi rincarando la dose nei confronti del tre volte iridato della Mercedes, reo di aver fatto una manovra pericolosa: “Quello che Lewis ha fatto è pericoloso per chi era dietro. Lui ha danneggiato la mia ala, io il suo fondo, e semplicemente non si fa così”.

Scritto da: Federico Crisetti

Federico Crisetti
Mi chiamo Federico Crisetti ho 24 anni, sono laureato in Informatica attualmente studente Magistrale all’Università Statale di Milano. Appassionato di sport , soprattutto di F1, seguo questo sport H24, non perdo un singolo istante di ogni weekend o evento F1, come per tutte le mie passioni dedico tutto me stesso.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.