formula1-2017-gp-azerbaijan-pagelle

Formula 1 | GP Azerbaijan 2017, le pagelle

In una gara incredibile, a vincere è Daniel Ricciardo che raccoglie il massimo possibile ed un bel 10 in pagella. Anche Stroll, al primo podio in carriera, da 9, le nostre pagelle.

Baku si trasforma nella roulette di Montecarlo, nel caos vince un fantastico Daniel Ricciardo, ecco le nostre pagelle.

Daniel Ricciardo 10:  Al posto giusto nel momento giusto. E’ salito sul gradino più alto, in una gara pazza come lui. OPPORTUNISTA, ma veloce! P.S. basta con questa cosa di bere dalla scarpa (voto 1).

Lance Stroll 9: Sembra essere un altro pilota dopo il gran premio di casa, speriamo di vedere ancora una volta il suo talento in azione, anche lui come Ricciardo ha saputo approfittare degli eventi, non prende il 10 solo per gli ultimi 200 metri dove si fa beffare da Bottas.

Kevin Magnussen 8: Un altro pilota totalmente trasformato in questa magica domenica azera, riesce a tenere in pista anche l’impossibile tra i muri della città vecchia, certo il mezzo ha i suoli limiti, ma ottiene il massimo.

Valtteri Bottas 7,5: Alla seconda curva la sua gara sembrava terminata, ma improvvisamente un mix di 100 bandiere gialle ed una rossa lo catapultano sul podio, con il coltello tra i denti e il guinzaglio di Hamilton raggiunge il secondo posto.

Lewis Hamilton 7: Fantastica pole position, fantastica gestione di gara fino all’inconveniente più bizzarro che potesse accadere (distaccamento del proteggi testa), showman quando compie tre giri con una mano sul volante ed una sulla nuca, si demoralizza dopo la sosta forzata e non lotta per superare Vettel.

Sebastian Vettel 6,5: Troppo nervoso, di certo vivere con l’ansia di non partecipare alle qualifiche per la seconda volta in un mese non è facile, il tedesco sente la competizione con Lewis è stavolta esagera, deve stare attento perchè con altri punti sulla patente vince un bel divano Sky dove vedere il prossimo gran premio.

Fernando Alonso 6,5: Lotta come un leone anche nelle strade cittadine di Baku, quando vede rosso (Ferrari), tira una staccatona e sembra che la sua Honda magicamente abbia dei cavalli in più, ma finalmente riesce a portare due punti a casa e vedere la bandiera a scacchi. Il 6,5 in pagella fa media con il 4 al senso di humor che non lo abbandona mai nei team radio.

Esteban Ocon e Sergio Perez 4: Sono l’esempio lampante di come rovinare il duro lavoro di un team che tra mille difficoltà economiche mette in pista una favolosa macchina oramai sempre più, quarta forza del campionato, hanno bisogno di una strigliata per le prossime gare.

Kimi Raikkonen 4: Per quei pochi giri che lo si è visto in azione merita 8 in pagella, aggressivo allo start e pimpante nei primi tre giri, poi improvvisamente cala su di lui la solita nuvola fantozziana che lo costringono al ritiro (voto 0 alla fortuna), deve rivolgersi ad uno specialista.

Direzione gara 2: Presente solo fisicamente come uno studente che va all’interrogazione senza aver studiato, troppe safety car, nessun tempismo nelle decisioni prese e metro di giudizio completamente inesistente; bisogna studiare!!!

Steward 0: Per spostare un paio di detriti ed una vettura troppo tempo e disorganizzazione, hanno bisogno di un corso di aggiornamento (o forse preparazione) da  i loro colleghi di Montecarlo.

Scritto da: Federico Crisetti

Federico Crisetti
Mi chiamo Federico Crisetti ho 24 anni, sono laureato in Informatica attualmente studente Magistrale all’Università Statale di Milano. Appassionato di sport , soprattutto di F1, seguo questo sport H24, non perdo un singolo istante di ogni weekend o evento F1, come per tutte le mie passioni dedico tutto me stesso.

1 Commento

  1. Hamilton penalizzato e squalificato: salterà il mondiale 2018.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Il logo F1 FORMULA 1, F1, FORMULA 1, FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP, PIRELLI, sono marchi registrati e di proprietá dei rispettivi titolari.